Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Cavani-Mandzukic: Juve alla volata finale

© AP

Nomi caldi per il dopo Tevez, Higuain una suggestione Van Persie: «Evra mi parla del fantastico spirito Juve...»

Sullo stesso argomento

di Barillà-Pinna

lunedì 8 giugno 2015 08:40

ROMA - Nazionali a parte, i bianconeri sono già in vacanza. Si sparpaglieranno tra spiagge, yacht e viaggi, ritrovandosi a Vinovo attorno al 20 luglio. Nemmeno ventiquattrore di stacco, invece, per l’ad Beppe Marotta e il ds Fabio Paratici, già al lavoro per disegnare una squadra nuova, con più qualità e un ulteriore tocco d’esperienza. Al di là degli acquisti ufficiali (Paulo Dybala dal Palermo) e degli affari fatti ma non ancora annunciati (Sami Khedira e Neto), le strategie saranno modellate attorno alle scelte di Andrea Pirlo e Carlos Tevez.

NORMALITA’ - Situazioni profondamente diverse: ben più pesante, considerando l’organico attuale e le mosse fatte, sarebbe l’addio, per altro più probabile, dell’argentino. Se infatti Massimiliano Allegri dovesse ritrovarsi senza il regista, premesso che nessuno ha le caratteristiche e il genio di Pirlo, trasformerebbe in normalità la soluzione varata quando l’ex rossonero è mancato per infortunio: non occasionalmente, visto che la sua stagione s’è chiusa con 33 presenze, 19 in meno rispetto a Claudio Marchisio che si sposterebbe perennemente nel cuore del gioco. A quel punto, come mezz’ali, agirebbero Paul Pogba e Arturo Vidal, con Khedira - firma attesa in settimana - alternativa di lusso o titolare in caso di clamorosa cessione d’uno dei due, più Stefano Sturaro, che ha svelato notevole personalità, e il duttilissimo Roberto Pereyra. Certo, si battono piste importanti (Axel Witsel dello Zenit San Pietroburgo, Allan dell’Udinese) e non si placano le voci sull’attenzione rivolta alla situazione di Radja Nainggolan, ma l’investimento nel reparto, dato il contesto, potrebbe privilegiare un trequartista su misura per il 4-3-1-2 che è il marchio di Allegri, applicato anche all’Olympistadion con l’avanzamento teorico di Vidal, in realtà risucchiato subito in trincea. Due i nomi in evidenza: Oscar del Chelsea e Kevin Van Bruyne del Wolfsburg.

Leggi l'articolo completo sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Per Approfondire

Commenti