Astori gela il Napoli: ora tratta con la Fiorentina

Nuove tensioni tra il centrale e la società: salta la firma. E la Viola può approfittarne
Astori gela il Napoli: ora tratta con la Fiorentina© Action Images / Reuters
TagsnapoliFiorentinaAstori

NAPOLI - Una spy (A)story. Un incredibile colpo di teatro che ha trasformato la telenovela in un thriller: nonostante mercoledì l'accordo fosse stato raggiunto - famigerata immagine compresa - e all'incontro il giocatore si fosse presentato con la borsa pronta, convinto di raggiungere Sarri e la squadra a Dimaro, ieri Davide Astori non ha firmato il contratto con il Napoli. Anzi, di più: alla fine ha lasciato infastidito il luogo della riunione che, da passerella delle firme, è diventato teatro di una frattura improvvisa. Di uno strappo che Aurelio De Laurentiis ha provato a ricucire contattando il suo manager, Claudio Vigorelli, ma che, fino a sera, è rimasto tale. Sullo sfondo, la Fiorentina: in agguato ad attendere gli sviluppi e pronta a portare a casa Astori. Arrivederci alla prossima puntata.

LA BEFFA - E allora, l'incredibile epilogo di una vicenda tormentata che ricorda quella che anni fa vide protagonista Morgan De Sanctis. Già, proprio così: attesa spasmodica, ritardi, nervi infiammabili e i diritti d'immagine a riscaldare l'atmosfera. Addirittura rovente in occasione dell'ultimo incontro andato in scena a Milano: Astori, 28 anni e l'aspirazione di riscattarsi alla grande in un'altra grande, dopo l'avventura in chiaroscuro con la Roma, si presenta in albergo forte dell'accordo con la Puma e pronto a firmare il quadriennale con il Napoli. Pronto e convinto di mettere nero su bianco l'intesa raggiunta a parole. La beffa delle beffe? In borsa, insieme con i vestiti da portare a Dimaro, aveva conservato anche gli scarpini per allenarsi. Proprio quegli scarpini che, a conti fatti, hanno complicato maledettamente l'affare.

LA RABBIA - L'antefatto è noto: il Napoli gli chiede di risolvere il contratto con la Puma, lui accetta e il brand tedesco, al posto di penali e conseguenze del tipo, gli prospetta la soluzione intermedia già adottata con Gabbiadini a gennaio. Ovvero: indossare esclusivamente le proprie scarpe fino alla scadenza del contratto stesso, o almeno fino a quando il club azzurro non avrà realizzato materialmente gli scarpini a marchio Calcio Napoli. Astori attende una decina di giorni, in fibrillazione, ma alla fine riesce a trovare l'accordo e lo comunica. Perfetto, ci siamo: accordo fatto e incontro fissato per firmare e poi partire per Dimaro. Il difensore e il suo entourage si presentano e succede il patatrac: i documenti non arrivano, le penne restano nel taschino e il silenzio è assordante. Fino a quando Astori, comprensibilmente provato dai giorni di attesa, si innervosisce e lascia la riunione.

LA TELEFONATA - La Fiorentina, nel frattempo, resta rispettosamente in agguato: nel senso che la sua offerta al difensore è pronta e confezionata, ma l'assalto definitivo non sarà sferrato fino a quando l'affare con il Napoli non sarà saltato del tutto. Ipotesi possibile? A questo punto tutto è possibile. La certezza è che ieri, ancora ieri, De Laurentiis ha chiamato Vigorelli, uno dei manager di Davide, per provare a ricomporre la frattura. Diplomazia al lavoro e appuntamento a oggi: per un nuovo capitolo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti