Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato Juventus, Marotta: «Cuadrado? Cercheremo di trattenerlo»

Calciomercato Juventus, Marotta: «Cuadrado? Cercheremo di trattenerlo»
© AP

L'ad bianconero: «Allegri piace a tanti, ma ce lo teniamo stretto. Ha sposato la nostra filosofia»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 27 gennaio 2016 21:08

TORINO – Il futuro di Massimiliano Allegri è alla Juventus. Ne è convinto Giuseppe Marotta, amministratore delegato bianconero, che fa il punto sul mercato a pochi minuti dall'inizio della sfida contro l’Inter in Coppa Italia. «Siamo onorati che dell'allenatore si parli in termini lusinghieri anche all'estero ma, parlando con lui, non ci sono elementi che possano distrarlo. Anche il nostro è un club all'avanguardia, è difficile trovare meglio della Juve. Non parlo della gestione attuale, ma per quello che la Juventus ha rappresentato e rappresenta nella storia del calcio mondiale», ha detto il dirigente a Rai Sport.

FUTURO DI CUADRADO – Sul futuro di Cuadrado, poi, Marotta precisa: «È da noi in prestito, tatticamente è diverso rispetto ad altri elementi. Serve in alcuni momenti della stagione, fa al caso nostro. Vedremo da qui a fine stagione cosa riusciremo a fare. Siamo contenti di quello che sta dando, è un professionista serio. Ha sposato la filosofia juventina, proveremo a trattenerlo a Torino anche nella prossima stagione».

SUPERATE LE DIFFICOLTA' – Marotta, poi, analizza la ripresa juventina: «C'era la convinzione delle capacità del gruppo e del mister, non avevamo dubbi sul tecnico e sulla squadra. Abbiamo recuperato tanti elementi infortunati, soprattutto a centrocampo. Anche i nuovi hanno capito cosa significa indossare questa maglia, molto pesante. I calciatori provenienti da altre squadre, hanno capito cosa significa giocare spesso e in diverse competizioni. Il fatto di essere alla Juventus rispetto al Palermo, mi riferisco a Dybala, significa partecipare alla Champions League, alla Coppa Italia, e lui era all'esordio con la Nazionale argentina, quindi tutte queste pressioni all'inizio incidono e lo condizionano. Dico lui, ma anche tutti gli altri. Questi calciatori hanno superato le difficoltà iniziali. Adesso, parlando delle performance, sono nel migliore momento della stagione».

Articoli correlati

Commenti