Calciomercato Milan: Mihajlovic senza alternative sugli esterni

Il tecnico serbo lascerà il Milan a fine stagione nonostante abbia un contratto con la società di via Aldo Rossi fino al 30 giugno del 2017.
Calciomercato Milan: Mihajlovic senza alternative sugli esterni© LaPresse/Spada
Marco Gentile
3 min
Marco Gentile

MILANO- Sinisa Mihajlovic lascerà il Milan a fine stagione nonostante il suo contratto in scadenza il 30 giugno del 2017. Il Presidente Silvio Berlusconi è totalmente insoddisfatto del gioco espresso dalla squadra e dei risultati ottenuti visto che i rossoneri sono a meno 21 dal primo posto e a meno 11 dal terzo posto occupato dalla Roma. In estate sono stati spesi la bellezza di 86 milioni di euro per rinforzare la rosa: Bacca 30 milioni dal Siviglia, Romagnoli e Bertolacci rispettivamente 25 e 20 milioni dalla Roma, Luiz Adriano 8 milioni dalla Shakhtar, Juraj Kucka per 3 milioni dal Genoa, senza considerare il flop Balotelli che quanto meno è arrivato in prestito secco dal Liverpool. Nonostante gli ingenti sforzi fatti dalla proprietà per rinforzare la squadra, il Milan naviga al sesto posto e sembra, nelle ultime tre settimane, una squadra allo sbando.

MERCATO SBAGLIATO- Il mercato del Milan è stato per l’ennesima volta un flop, Romagnoli e Bacca a parte che comunque non sono arrivati a prezzo di saldo. A gennaio, poi, è arrivato il solo Kevin Prince Boateng, svincolato, che non si è rivelato all’altezza della situazione. Galliani, a più riprese, aveva annunciato che i veri acquisti del mercato di riparazione sarebbero stati Mario Balotelli e Jeremy Menez che, complici gli infortuni e atteggiamenti poco consoni, non hanno reso le aspettative. Inoltre, sono partiti giocatori criticati come Suso e Cerci che non sono stati sostituiti a dovere. Mihajlovic, ora, si ritrova con una squadra stanca specialmente sugli esterni dove non ha praticamente alternative.

ACCUSA VELATA- Il tecnico serbo, al termine del match pareggiato contro la Lazio, ha così parlato ai microfoni di Sky Sport: “Honda e Bonaventura giocano sempre. Non abbiamo soluzioni sugli esterni e anche loro perdono freschezza e lucidità. Non riusciamo a cambiare la partita in corso perché ci mancano le soluzioni". Velato attacco da parte dell’ex allenatore di Catania, Bologna e Fiorentina, nei confronti della società che non è per niente intervenuta durante il mercato di riparazione per rinforzare una rosa che necessitava di forze fresche, soprattutto sugli esterni visto il gioco dispendioso richiesto dal 4-4-2- di Mihajlovic. Ormai il dado è tratto, e l’allenatore serbo dovrà attingere alla rosa a sua disposizione per chiudere al meglio la stagione, cercando di vincere la Coppa Italia lasciando un buon ricordo nella mente dei tifosi rossoneri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA