Calciomercato Lazio, Keita è un rebus. No al Wba per 18 milioni

Fino a domani in bilico: niente Monaco, rifiutata l’offerta del West Bromwich, in passato lo voleva il Liverpool
© @ Marco Rosi / Fotonotizia
Fabrizio Patania

ROMA - La Lazio ha chiuso l’operazione legata a Luis Alberto. Settimo acquisto dopo Vargic (Rijeka), Lukaku (Ostenda), Immobile (Siviglia), Wallace (Sporting Braga), Leitner (Borussia Dortmund) e Bastos (Rostov). Da qui a domani sera alle 23 resterà aperto il capitolo più scottante legato a Keita Balde Diao. Sfumato Nabil Dirar, è tramontata l’ipotesi di uno scambio con il Monaco. Già la scorsa settimana, quando il ds Tare si trovava a Montecarlo, era emersa l’ipotesi che l’attaccante spagnolo-senegalese potesse avere l’accordo con un altro club, ancora sconosciuto. Ieri la notizia a sorpresa di Luis Alberto, spagnolo di proprietà del Liverpool. Tare era partito per una missione segreta subito dopo Ferragosto, la Lazio aveva poi smentito qualsiasi indiscrezione legata a Mario Balotelli e così ha fatto nelle ultime ore, negando di essere interessata all’ex attaccante del Milan. Una linea presa anche da Lotito, che invece non ha mai realmente preso le distanze dalla possibile operazione legata ad Alessio Cerci, in uscita dall’Atletico Madrid. Può essere preso in prestito gratuito con diritto di riscatto, ma non sarà pronto prima di fine settembre e le perplessità della Lazio erano proprio legate al suo infortunio. La sua candidatura, seppur negata da Tare, va tenuta in stand-by come possibile soluzione last minute.

Commenti