Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Baldissoni: «Presto la Roma raggiungerà la parità di bilancio»

Baldissoni: «Presto la Roma raggiungerà la parità di bilancio»
© Bartoletti

Il dg del club di Pallotta: «Pjanic? Non è proficuo forzare a restare chi vuole andare via»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 28 dicembre 2016 20:41

ROMA - "Vendere i giocatori e reinvestire in nuovi è un modo per mantenere un alto livello di competitività, rispettando le regole del Fair Play finanziario. Lo faremo fino al raggiungimento della parità di bilancio, cosa che avverrà a breve". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, in merito alla solidità finanziaria della società giallorossa in relazione alle mosse di mercato. "Considerando che il club ha avuto i conti in rosso negli anni passati, la nuova proprietà si è trovata al di fuori dei parametri finanziari imposti dalla Uefa - ricorda il dg sul sito ufficiale della Roma -. Per rispettare tali parametri, abbiamo dovuto ridurre le perdite e aumentare i ricavi. Dobbiamo competere nel rispetto di determinate limitazioni finanziarie, per cui dobbiamo essere in grado di vendere giocatori e di reinvestire gli introiti in modo da mantenere costante il nostro livello di competitività".

PALLOTTA SULLE BARRIERE - FAZIO SULLA ROMA

OBIETTIVO PARITÀ DI BILANCIO - Almeno fino a quando non ci sarà la parità di bilancio. Una volta raggiunta, spiega Baldissoni, "saremo in grado di disporre di una più ampia gamma di opzioni, a differenza della situazione attuale. È qualcosa di cui tenere conto perché competiamo con grandi marchi europei che partono da una situazione avvantaggiata per quanto concerne i ricavi. In Italia, la Juventus ci doppia in termini di ricavi". E proprio i bianconeri in estate sono riusciti a portare via Pjanic da Trigoria. "A volte non siamo noi a scegliere se una squadra avversaria può comprare o meno un nostro giocatore. Voler andare a giocare lì è stata una sua scelta - sottolinea Baldissoni -. Nel caso specifico, aveva nel contratto il diritto di decidere se e dove essere venduto. Non potevamo far nulla per contrastare la scelta del calciatore. Ma, più in generale, se i giocatori decidono di andare via, non è proficuo forzarli a restare, anche quando non hanno un'opzione contrattuale come quella di Pjanic".

Articoli correlati

Commenti