Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Inter, da Verratti a Bernardeschi: pronti tre colpi da 150 milioni

Inter, da Verratti a Bernardeschi: pronti tre colpi da 150 milioni
© EPA

Suning a giugno vuole i migliori talenti italiani

Sullo stesso argomento

di Andrea Ramazzotti

giovedì 29 dicembre 2016 08:58

MILANO - Centocinquanta milioni di euro: ecco la cifra che Suning è pronto a investire sul mercato la prossima estate per rinforzare l’Inter. L’obiettivo è vestire di nerazzurro 3-4 top player con un occhio di riguardo per i talenti italiani. Con le mani più libere dopo aver rispettato i parametri del Fair Play Finanziario dell’Uefa (è necessario chiudere in parità il bilancio al 30 giugno togliendo le spese considerate “virtuose”) e magari dopo aver trovato un accordo con Nyon (possibile dopo il cambio di proprietà), gli investimenti del colosso di Nanchino saranno ingenti. Questo Jindong Zhang e i suoi uomini hanno spiegato ieri nei primi meeting con Stefano Pioli e Piero Ausilio, in Cina per parlare di mercato di gennaio, ma anche di prospettive future. [...]

ZANETTI: «SUNING VUOLE FARE LA STORIA»

JUVE E MILAN ITALIANE - La prima indicazione emersa è quella di italianizzare la rosa, portando avanti un processo iniziato negli ultimi due mercati con gli arrivi di Eder, Candreva e Caprari (ancora a Pescara). Juve e Milan insegnano che i risultati si raggiungono anche così. I due top player nel mirino sono Verratti del Psg e Bernardeschi della Fiorentina, due talenti per i quali Ausilio stravede. Al ds piace molto anche Berardi ma non sta giocando da troppo tempo per considerarlo una priorità: prima bisognerà valutare come rientrerà in campo. Finito qui? No, Ausilio osserva anche i ragazzi dell’Atalanta. Gagliardini è il primo della lista, ma non l’unico. Conti nelle ultime settimane ha perso qualche posizione, mentre le hanno guadagnate Petagna e pure Sportiello, tornato a giocare complice l’infortunio di Berisha. Se Handanovic andrà via, il portiere di Desio se la giocherà con Perin del Genoa e con Oblak, lo sloveno ventitreenne dell’Atletico Madrid che è considerato il top del ruolo considerate età (23 anni) e rendimento.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport

Articoli correlati

Commenti