Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

La Juventus su Verratti: ecco il piano ma il Psg vuole 80 milioni

La Juventus su Verratti: ecco il piano ma il Psg vuole 80 milioni

Marotta conferma: «Cerchiamo un Higuain per il centrocampo». Il Psg fissa il prezzo e il club è disponibile a un nuovo sacrificio sul modello Pipita. Il club di Agnelli pronto a investire sull’azzurro ma ci sono
anche altre piste

Sullo stesso argomento

di Antonio Barillà

giovedì 5 gennaio 2017 08:54

TORINO - Il giorno dopo la confidenza dell’ad Beppe Marotta sulla ricerca di un top player del centrocampo per giugno, trova piena conferma la candidatura di Marco Verratti. Anzi, nel tardo pomeriggio, un colloquio milanese apparentemene estraneissimo tra il ds Fabio Paratici e il ds dell’Ascoli Cristiano Giaretta alza il velo su nuove, recentissime informazioni assunte per il regista del Psg. Il vertice conferma infatti l’interesse della Juventus per il gioiello marchigiano Riccardo Orsolini, conteso dai più grandi club d’Europa e gestito da Donato Di Campli, storico agente di Verratti. Ebbene, in questa fase di sondaggio, i vertici bianconeri hanno parlato di Orsolini anche con il manager e il discorso, inutile dirlo, è virato in fretta sull’azzurro.

BENTANCUR: «JUVE UN SOGNO» - TUTTO SULLA JUVENTUS

POTENZA DI FUOCO - Martedì, per curiosa coincidenza, mentre Marotta svelava il suo progetto, Di Campli apriva più uno spiraglio sull’addio del suo assistito al Psg: «Marco sta molto bene a Parigi, ma la sua carriera non può essere costellata solo di campionati francesi. Vorremmo vincere con il Psg: se non sarà possibile troveremo una soluzione. Inter e Juventus? Sono grandissime società. Il problema è che il Psg è una società molto forte e una bottega carissima». La chiosa sembra gelare le speranze della Juve, che ha già sperimentato, attraverso Blaise Matuidi, quanto sia dura trattare con lo sceicco Nasser Al-Khelaifi, ma il problema principale è la cedibilità di Verratti, perché la società di corso Galileo Ferraris, cresciuta parallelemente sul piano sportivo e finanziario, può permettersi di mettere in conto sacrifici inimmaginabili fino a pochi anni fa. Marotta lo ha spiegato chiaramente a Doha, in un’intervista a margine della Supercoppa: «Grazie all’ottimo lavoro di Andrea Agnelli, la Juventus è all’avanguardia anche sul piano economico: la potenza di fuoco è aumentata e oggi sono possibili investimenti rilevanti e importanti. Abbiamo preso Higuain e Pjanic, vogliamo continuare su questa strada. E Pogba l’abbiamo perso non per nostra volontà».

PROFILO DI LIVELLO - Giunto il momento d’un Pipita in mediana, non può spaventare quindi la valutazione di 80 milioni che il mercato assegna a Verratti: la Juve può ponderarla, calcolarla e sottoscriverla, naturalmente limitando gli altri investimenti nella prossima sessione di mercato, ma d’altronde la difesa è ok (confermati i big, sarà riscatatto Benatia, Rugani è ormai una certezza e Caldara una garanzia per il futuro) e in attacco, aspettando che anche Pjaca, una volta guarito, possa dimostrare il suo valore, si registra l’overbooking di fuoriclasse, mentre a centrocampo, complice l’addio di Pogba, c’è ancora spazio per un big. «Gennaio serve per lavorare anche in prospettiva futura, su giocatori al momento non trasferibili - il pensiero di Marotta - a centrocampo siamo a posto come giovani, ma non nascondo che per prossima stagione cercheremo un profilo di livello». E sorride, ammiccante, davanti alla definizione d’un «Higuain del centrocampo...».

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Articoli correlati

Commenti