Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Napoli, Gabbiadini saluta tutti ma non Sarri. E ricorda i suoi «numeri»

Napoli, Gabbiadini saluta tutti ma non Sarri. E ricorda i suoi «numeri»

L'attaccante ceduto al Southampton ringrazia la sua ex squadra, nominando anche Benitez ma non l'attuale tecnico, e ricordando di aver fatto «un gol ogni 124 minuti»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 1 febbraio 2017 09:36

NAPOLI - Manolo Gabbiadini ha lasciato il Napoli nelle ultime ore di calciomercato, e l'ha fatto con un pizzico di risentimento: "Non amo rispondere a parole ma preferisco far parlare i numeri. Nel calcio i numeri sono tutto e fotografano la realtà dei fatti". Il nuovo attaccante del Southampton affida i suoi pensieri a un post di commiato pubblicato sui social network, in cui saluta praticamente tutti, la città, la squadra, i compagni in maglia azzurra, la società, lo staff, i singoli dirigenti, persino Benitez:

"Grazie Napoli. Grazie al Presidente, alla Società, a Benitez, Bigon, Giuntoli, a tutti i componenti dello staff e i compagni di squadra di questi venticinque mesi vissuti insieme in Italia e in Europa. Grazie ai tifosi napoletani, unici e meravigliosi, per i tantissimi messaggi che mi state inviando sui profili social, prometto che proverò a leggerli tutti. Grazie per aver sempre fatto sentire la mia famiglia a casa e per avergli donato il vostro cuore."


NUMERI - Tutti, tranne Maurizio Sarri appunto, che non nomina mai. L'attaccante impegna poi le righe conclusive del post per rispondere a chi, durante la sua esperienza napoletana, ne aveva accusato la debolezza caratteriale: "Un pensiero finale voglio dedicarlo anche a coloro che mi hanno spesso e volentieri criticato etichettandomi come un calciatore con poca personalità e carisma, incapace di reggere le pressioni della grande piazza e del grande club". Quindi, la statistica con cui Gabbiadini saluta Napoli, ricordando di aver realizzato in questi due anni "25 reti in 3119 minuti, un gol ogni 124 minuti."

GABBIADINI-NAPOLI: 5 MOMENTI, UNA GRANDE OCCASIONE PERSA

Articoli correlati

Commenti