Grenier: «Lione ti sbagli, sono da Roma. Riprenderemo la Juventus»

Presentato il centrocampista francese: «Questa squadra deve vincere per i suoi tifosi»
Grenier: «Lione ti sbagli, sono da Roma. Riprenderemo la Juventus»© AS Roma via Getty Images
TagsgrenierRomacalciomercato Roma

ROMA - «Voglio dimostrare che il Lione si è sbagliato e che la Roma fa bene a puntare su di me». Traspare una netta voglia di rivincita dalle parole di Clement Grenier, centrocampista arrivato a Trigoria nella finestra di mercato invernale. Il giocatore è stato presentato oggi dal direttore sportivo, Frederic Massara. «Grenier è un talento del calcio francese. È un calciatore arrivato negli ultimi giorni per rinforzare l'organico. Completa un reparto che non era molto ricco - spiega il ds giallorosso - e siamo certi che potrà arricchire le necessità della squadra. I suoi problemi fisici sono stati risolti. Siamo certi che il suo sarà un rilancio importante con la Roma. Ci aspettiamo che ci possa aiutare in questo finale di stagione e negli anni a venire».

Grenier si presenta: «Roma vicina alla Juve. Voglio restare»
Guarda la gallery
Grenier si presenta: «Roma vicina alla Juve. Voglio restare»
L'obiettivo numero uno resta la rimonta in campionato sulla Juventus, rivale che per Grenier non è irraggiungibile. «Credo che la Roma sia vicina alla Juve per valori tecnici, e spero possa superarla. Sono convinto che possiamo giocarcela con loro. Questa squadra merita di vincere per i suoi tifosi» sottolinea, prima di confessare che «gli infortuni hanno rallentato la mia crescita ma hanno forgiato il mio carattere. Da un anno e mezzo va tutto bene. Arrivo nel momento perfetto, la Roma è un grande club che mi aiuterà a crescere, voglio restare a lungo e ritrovare la Nazionale».

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti