Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Inter, Sabatini vede l'agente di Perisic e Jovetic. Ausilio: «Nainggolan non è sul mercato»

Inter, Sabatini vede l'agente di Perisic e Jovetic. Ausilio: «Nainggolan non è sul mercato»
© Inter via Getty Images

Il coordinatore tecnico di Suning incontra a Milano Fali Ramadani. Nello stesso albergo c'è anche il procuratore del belga della Roma, ma il direttore sportivo interista frena le voci

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 12 luglio 2017 23:30

ROMA - Incontro in serata in un albergo a Milano tra Walter Sabatini e Fali Ramadani, agente di Stevan Jovetic e Ivan Perisic, due giocatori che potrebbero essere ceduti dall'Inter. Jovetic piace al Siviglia che, nelle scorse settimane, ha cercato l'accordo con il club nerazzurro. Ma sul montenegrino ci sarebbero anche club italiani, come la Roma. Da definire anche il futuro di Perisic che avrebbe già un accordo con lo United. Spalletti preferirebbe non cederlo. 

NAINGGOLAN - Nello stesso albergo del centro di Milano era presente anche Alessandro Beltrami l'agente di Radja Nainggolan e non è escluso che ci siano stati contatti con Sabatini. Il centrocampista belga piace a Spalletti che vorrebbe allenarlo anche all'Inter. A SkySport però Piero Ausilio ha ridimensionato le voci di calciomercato: «Non mi risulta che la Roma abbia mai messo Nainggolan sul mercato. Bisogna accettare la scelta della Roma ed è inutile parlare di calciatori sotto contratto con un'altra società, meglio pensare ai nostri». Fine della telenovela? Ausilio ha anche fatto chiarezza sugli altri obiettivi di mercato: «Dalbert? Abbiamo presentato una proposta ufficiale al Nizza che però non è orientato a vendere. Ci vuole una strategia, dobbiamo rispettare le esigenze di un club che ha da affrontare i preliminari di Champions League. Lucas Lima del Santos? Un buon giocatore». I tifosi possono sognare un grande colpo? «I sogni sono belli perché possono essere realizzati. Io sono pratico, bisogna costruire una squadra con la logica e non possiamo portare dentro in un gruppo con un certo tetto salariale giocatori che guadagnano il triplo di un nostro giocatore. Abbiamo il dovere di guardare anche a questo. Questo non vuol dire che non ci sono occasioni di mercato che portano a valorizzare dei giocatori giovani o top player che magari vengono da stagioni difficili. Non vi dico di più però…». Chiusura su Perisic: «È con noi e si allena, non abbiamo preso in considerazione quanto ha proposto il Manchester United».

Articoli correlati

Commenti