Roma, Rugani dice sì: ma la Juve frena

Il difensore non trova spazio con Allegri, però i bianconeri non vorrebbero lasciarlo andare
Roma, Rugani dice sì: ma la Juve frena© LAPRESSE
Guido D'Ubaldo

ROMA - Roma-Rugani, c’è più di un indizio. L’incontro con il procuratore del difensore, che mercoledì a Trigoria ha avuto un lungo colloquio con Monchi, apre nuovi scenari per il centrale, che nella Juve non trova spazio. Tra l’altro il commissario tecnico Roberto Mancini nell’amichevole di martedì sera contro gli Stati Uniti gli ha preferito Acerbi come partner di Bonucci, in un’amichevole nella quale è andata in campo una versione sperimentale della Nazionale. Nella Juve due sole presenze in campionato, contro Frosinone ed Empoli, un minuto in Champions contro il Valencia e poi tanta panchina.

L'OFFERTA DEL CHELSEA - La Juve aveva cominciato a parlare con il suo procuratore per il prolungamento biennale del contratto che scade nel 2021, con un ingaggio da 2,5 milioni più bonus, ma a questo punto è probabile che il difensore vada via, più a giugno che a gennaio. Il Chelsea in estate aveva offerto quasi cinquanta milioni, su precisa indicazione di Sarri, che lo aveva avuto all’Empoli, ma ora è la Roma che mostra maggiore interesse nei confronti del difensore, con l’incontro esplorativo che c’è stato mercoledì a Trigoria tra il ds Monchi e l’agente del giocatore, Davide Torchia.

DECIDE LA JUVE - La società bianconera comunque non è ancora convinta di lasciare partire il difensore, sul quale aveva puntato per il futuro. E di sicuro non lo cederà a gennaio.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULL'EDIZIONE ODIERNA DEL CORRIERE DELLO SPORT-STADIO

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti