© Zenit San Pietroburgo
Calciomercato
0

"Lo Zenit vuole vendere Malcom per il razzismo dei suoi ultras"

Secondo Mundo Deportivo il club russo sta pensando di cedere il nuovo acquisto brasiliano, vittima dell'ostilità di un gruppo di tifosi

SAN PIETROBURGO (Russia) – Lo Zenit San Pietroburgo sta seriamente pensando di vendere Malcom, appena arrivato dal Barcellona, per la contestazione razzista nei suoi confronti da parte di alcuni tifosi ultras. Nel corso del match casalingo di campionato con il Krasnodar è stato esposto lo striscione polemico “grazie dirigenza per la tua fedeltà alle tradizioni” accompagnato da un comunicato in cui si dice che “l’assenza di giocatori neri è solo una tradizione, non siamo razzisti”.

Malcom può essere ceduto a gennaio

In passato infatti lo Zenit non era solito ingaggiare calciatori di colore. In seguito alla protesta, portata avanti soprattutto dal gruppo ultras “Landscrona”, il club russo sta pensando di cedere Malcom già nel mercato di gennaio, nonostante lo abbia pagato 40 milioni di euro al Barcellona. I blaugrana peraltro avrebbero diritto a una percentuale sulla cessione del brasiliano.

Barcellona, monta il caso Malcom

Tutte le notizie di Calciomercato

Per approfondire

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...

Calciomercato in Diretta

In edicola

Prima pagina