Dzeko ha detto sì alla Juve: tutte le cifre dell'affare

L'attaccante pronto a lasciare la Roma: accordo definito fra Paratici e Fienga. E ingaggio confermato
Dzeko ha detto sì alla Juve: tutte le cifre dell'affare© Bartoletti
di Guido D'Ubaldo
4 min

Edin Dzeko ha deciso e la Juve non ha altre idee in testa, neppure quella di Suarez, che è stato offerto insistentemente ma chiede ingaggi inarrivabili. Il dado è tratto: il centravanti bosniaco va a Torino, la Roma gira i soldi che prende dal club bianconero al Napoli, insieme a Ünder e Riccardi, per convincere De Laurentiis a trasferire Milik. E’ un giro complesso e tutti i tasselli del mosaico devono andare al loro posto. Una vorticosa operazione di mercato che richiederà più di qualche ora, ma si arriverà al massimo all’inizio della prossima settimana.  

Dzeko, i retroscena del sì alla Juve

Da una settimana Dzeko era tentato dalla Juve e giovedì ha sciolto le riserve. Quando il suo procuratore Silvano Martina è andato a trovarlo nella sua villa a Casal Palocco, vicina a quella di Pellegrini. Un incontro breve, il tempo di un caffè, presente anche la moglie Amra, con il pancione, in dolce attesa della terza figlia che nascerà a Roma. Dzeko si è mostrato determinato nell’accettare la corte della Juventus, intravedendo la possibilità di vincere anche in Italia prima della fine di una gloriosissima carriera. La moglie, che un anno e mezzo fa aveva avuto un ruolo determinante per chiudere con un nulla di fatto la trattativa con il Chelsea, questa volta non si è opposta. In ogni caso la signora Dzeko ha sempre sostenuto le scelte professionali del marito. Sarebbe disposta a seguirlo ovunque. Anche se Roma resterà nel cuore di entrambi.

Dzeko alla Juve, le cifre dell'affare

Martina ha evitato di andare a Trigoria per non dare troppo risalto all’incontro, che di fatto ha chiuso un’era alla Roma. Ieri non c’è stato l’incontro previsto tra il centravanti e Fienga, il centro sportivo di Trigoria è stato chiuso per Covid. Ma i due si sono parlati al telefono, Edin parte nel week end per rispondere alla chiamata della Nazionale, ha voluto chiarire tutto prima. Fienga e Paratici hanno praticamente definito la trattativa qualche giorno fa, la Juve riconoscerà alla Roma 10 milioni più 2 di bonus. Quei soldi per la Roma sono fondamentali, perché poi dovrà girarli a De Laurentiis per chiudere l’operazione Milik. Fienga è stato chiaro con il presidente del Napoli, il club giallorosso non è nelle condizioni di tirare fuori soldi, se non quelli che arrivano dalla cessione di Dzeko. La Juve gli riconoscerà lo stesso ingaggio della Roma: 7,5 milioni. Paratici ha trovato l’accordo con Martina giovedì a cena. 

Tutti i dettagli sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola


© RIPRODUZIONE RISERVATA