Ziyech agita il Chelsea: vuole andare via

Nell’Ajax di Ten Hag regalava spettacolo, ma a Londra non si è inserito: costato 40 milioni nella scorsa estate, l’attaccante esterno chiederà la cessione al termine della Premier
Ziyech agita il Chelsea: vuole andare via© Getty Images
Stefano Chioffi

Nell’Ajax faceva la differenza: era uno dei patrimoni della squadra allenata da Ten Hag, capace di arrivare in semifinale di Champions nel 2019 anche con l’aiuto di De Ligt. Ziyech era l'artista del dribbling, si divertiva, aveva un’intesa splendida con Tadic e Van de Beek, con De Jong e David Neres. Nel Chelsea, però, ha faticato a inserirsi: impatto ruvido, tanta panchina, qualche problema fisico. Era scivolato in fondo nelle gerarchie di Lampard, esonerato il 25 gennaio. E anche Tuchel lo considera una riserva. Il marocchino sta valutando di chiedere la cessione a giugno: il presidente Abramovich, nella scorsa estate, aveva speso quaranta milioni per portarlo allo Stamford Bridge.

L’attaccante esterno è preoccupato dalla prospettiva di vivere un’altra stagione ai margini: solo undici presenze, finora, in Premier League, di cui otto da titolare. Si sente tagliato fuori dai piani di Tuchel. Ha un contratto con il Chelsea fino al 2025 e chiederà presto un colloquio all’amministratrice delegata Marina Granovskaia. Ha segnato l’unico gol al Burnley. Poco spazio anche in Champions: solo 222 minuti in campo e un gol al Krasnodar. L’avventura londinese è stata complicata alla fine di agosto da un infortunio al ginocchio e più avanti dalla positività al Covid. Ventotto anni il 19 marzo, mancino, Ziyech era stato corteggiato in passato dalla Roma e dal Milan.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti