Tuanzebe al Napoli, la firma fino a giugno

Alex attende il visto dell’ambasciata italiana a Londra. Oggi o domani il suo arrivo a Napoli
Napoli: Tuanzebe non basta. La raffica di infortuni e di positività al Covid non consente di indicare una sola necessità prioritaria: se continua così, Spalletti avrà bisogno di giocatori in ogni reparto. Tuttavia la partenza di Manolas ha costretto il Napoli ad acquistare prima di tutto un difensore centrale, Tuanzebe. E poi bisogna capire cosa accadrà in Coppa d’Africa.© Getty Images
2 min

L'arrivo in Italia, le visite, la firma, il visto. Axel Tuanzebe ha cominciato il classico iter che, passo dopo passo, condurrà all'immancabile annuncio ufficiale di De Laurentiis a mezzo Twitter e all'integrazione nella rosa decisamente spoglia di Spalletti tra Covid e Coppa d'Africa. Il difensore inglese di proprietà del Manchester United, ma reduce dalla breve parentesi in prestito all'Aston Villa, è già un giocatore del Napoli in pectore e anzi nelle prossime ore è anche atteso in città: ventiquattro o quarantotto, chissà, tutto dipende dalla burocrazia e dai meccanismi già innescati con l'Ambasciata italiana a Londra. Ieri, però, la sua avventura azzurra è stata inaugurata con lo sbarco a Roma per le visite mediche e per firmare il contratto insieme con suo fratello-manager, Dimitri: un grande classico. È in stile-Anguissa, invece, l'operazione: prestito secco da un altro club inglese, valutato 500mila euro più altri 500mila di bonus legati soprattutto alle presenze.

Tuanzebe pronto a sbarcare a Napoli

E allora, i Tuanzebe. Sì, due: simili, somiglianti ma distinti. La storia è la seguente: ieri Dimitri Tuanzebe, fratello maggiore e procuratore del nuovo acquisto del ds Giuntoli, ha postato sui social una foto del panorama di Napoli scattata dall'inconfondibile terrazza di un famoso albergo sulla collina di Posillipo tanto caro a Maradona, innescando ovviamente la caccia all'uomo. All'altro Tuanzebe, Axel: che però non aveva ancora messo piede nella sua nuova città calcistica d'adozione, e anzi era appena arrivato a Roma. Per la precisione: ieri è partito dall'Inghilterra ed è atterrato nella Capitale sia per sostenere le visite a Villa Stuart, sia per firmare il contratto che lo legherà al club azzurro fino a giugno. Napoli e Manchester United, invece, avevano già compiuto nei giorni scorsi tutti i passaggi utili alla definizione dell'affare, con tanto di scambio di documenti. Lo United, dopo il rientro del giocatore dal prestito-lampo all'Aston Villa durato da agosto agli inizi di gennaio, ha anche prolungato il suo contratto in scadenza fino al 2023 con opzione per un altro anno.

Napoli, Insigne con la maglia del Toronto sui social
Guarda la gallery
Napoli, Insigne con la maglia del Toronto sui social

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti