Dybala, le cifre dell’offerta dell’Inter

Marcato da Zanetti, corteggiato da Totti: "Io ho parlato con tanti ma ora penso a Italia-Argentina"
Dybala, le cifre dell’offerta dell’Inter© LAPRESSE
4 min
TagsDybalaTottiZanetti

MILANO - La prima partita da ex juventino l'ha giocata ieri sera a San Siro, che con ogni probabilità sarà il suo stadio. Perché Totti continua a corteggiarlo e lo spinge verso la Roma, ma la tentazione di raggiungere all'Inter il suo ex ad, Beppe Marotta, è forte. Anzi, pare sempre più forte. Soprattutto perché Paulo Dybala in questo momento non ha in mano un'offerta "irrinunciabile" dall'estero. Cercava un club, in Spagna o altrove, che gli consentisse di lottare per vincere la Champions, che lo mettesse al centro del progetto e che gli gonfiasse il conto in banca con i 10 milioni a stagione richiesti alla Juve, prima della rottura. Per ora la chiamata dei sogni non è arrivata. Il calcio mercato in fondo non è neppure iniziato ufficialmente, anche se i telefonini degli uomini del suo entourage squillano e gli incontri sono frequenti. Marotta li avrebbe visti di recente a Villa Bellini, dove nell'estate 2020 il dirigente dell'Inter ha celebrato la riappacificazione con Conte. La Joya è già dell'Inter? Non ancora e lui parlando a Sky lo ha ribadito: «Non so cosa farò, ma sceglierò il meglio per me. Questo è importante. Ora sono tranquillo e domani (oggi, ndr) partirò per raggiungere la Nazionale. C'è una bella partita contro l'Italia e vogliamo continuare a vincere». 

Totti su Dybala: "Pronto a lasciargli la numero dieci"
Guarda il video
Totti su Dybala: "Pronto a lasciargli la numero dieci"

Dybala tra Totti e Zanetti

L'argentino ex Juve ieri sera è stato "conteso" tra Zanetti e Totti, entrambi presenti all'evento benefico del Meazza. Il connazionale, e vice presidente dell'Inter, lo ha abbracciato e ha parlato a lungo con lui. È sembrata una scena molto significativa, un preludio di quello che sarà tra poche settimane. Totti, pur non avendo (ancora?) un ruolo ufficiale nella Roma, ha provato a riportare equilibrio nel "duello" per Paulo sull'asse Roma-Milano: «Volete sapere se mi sono mosso per portarlo nella Capitale? No, ancora no - ha spiegato Francesco appena arrivato a San Siro -, ma c'è tutta la serata per qualche consiglio. Se dipendesse da me, sarebbe il prossimo 10 giallorosso, ma non decido io. La mia maglia gliela darei volentieri. Bisogna vedere se lui la vuole. Può anche prendere un altro numero...». Dybala in mixed zone aveva affrettato il passo per sfuggire alle domande dei giornalisti: «Aspetto che Totti mi dica qualcosa? Dopo avremo tempo...» si era divincolato. Poi di fronte alle telecamere è stato più loquace: «Francesco è un idolo per tutti e le sue parole di affetto sono belle. Me le porto dentro con piacere. Se ho parlato con Zanetti e Ausilio? Ho parlato con tante persone, ma sono qui per questo evento benefico».  

Mercato Inter: Dybala e Mkhitaryan

Di certo i tifosi interisti stravedono per lui. Uno di loro ha portato uno striscione tutto a caratteri nerazzurri con su scritto: «Paulo, ti aspettiamo. Amala». E quando sono state lette le formazioni, il nome di Dybala è stato accompagnato da un'ovazione. L'Inter aspetta di trovare l'accordo per la buonuscita con Sanchez, che gli libererà il posto, e spera che nel frattempo alla porta dell'ex 10 bianconero non bussi un'altra grande con un contratto più attraente di quello prospettato dalla dirigenza di viale della Liberazione ad Antun (3-4 anni a 5,5 milioni più bonus a stagione). Dybala sarà uno degli argomenti del vertice di oggi con Inzaghi. Marotta del resto domenica ha sottolineato: «Ci sono alcuni svincolati che possono essere delle opportunità e le valuteremo». Il riferimento era a Paulo e a Mkhitaryan. I prossimi giorni possono rivelarsi molto caldi. 

Juve, Dybala saluta in lacrime lo Stadium dopo sette stagioni
Guarda la gallery
Juve, Dybala saluta in lacrime lo Stadium dopo sette stagioni

Commenti