L’agente di Insigne: “Tempo quasi scaduto, tocca a De Laurentiis”

Rinnovo o addio, l'intervista esclusiva al manager dell'attaccante del Napoli
L’agente di Insigne: “Tempo quasi scaduto, tocca a De Laurentiis”
4 min
TagsInsignenapoliCalciomercato

La matematica non è un'opinione. O forse sì: quasi parametro zero, certo, ma anche 415 presenze in assoluto; 320 in campionato; 114 gol in tutte le competizioni e 89 in Serie A; la palma di campione d'Europa con la maglia numero 10 della Nazionale; 18 anni di vita azzurra; la fascia di capitano. Questa è la storia di Lorenzo Insigne e del Napoli - la storia scritta da Insigne nel Napoli - e questo invece è il dato che il tempo, marciatore spietato, scandirà in un clic: tra quindici giorni, Lorenzo acquisirà lo status di parametro zero a meno che non si sblocchi la trattativa per il prolungamento del suo contratto, in scadenza il 30 giugno 2022. Cronaca: De Laurentiis offre un quadriennale da 3,5 milioni di euro a stagione, mentre lui accetterebbe lo stipendio attuale (5 milioni). Senza bonus alla firma. «Assolutamente», precisa il suo manager, Vincenzo Pisacane.

E ora, che succede?

«Non si può dire, nel calcio tutto può cambiare in dieci minuti».

Sacrosanto. De Laurentiis, però, ha detto di aver fatto la propria mossa e che ora la palla passa a Insigne.

«Lui dice quello che ritiene più opportuno, ma bisognerebbe chiedere qual è stata l'offerta e per quale motivo il giocatore ha rifiutato».

Quadriennale da 3,5 milioni a stagione. Fino al 2023, insomma.

«Preferisco evitare cifre e dettagli, ma non riteniamo congrua la proposta».

Contatti azzerati?

«No, ci sentiamo abbastanza spesso. E d'accordo, l'ultima telefonata non è stata delle migliori, però è giusto che ognuno abbia la propria idea e faccia la propria parte. Non possiamo puntarci le pistole alle tempie».

E intanto, tra un paio di settimane Insigne sarà un parametro zero.

«Il regolamento dice così, ma non è mica l'unico. Certo, il suo caso fa rumore perché è un top player, un campione d'Europa, e forse nessuno si aspettava questo epilogo. Anzi, forse Lorenzo sì».

Sta dicendo che è finita?

«La storia tra il Napoli e Insigne non finirà mai anche se andrà a giocare altrove. Anzi, è da raccontare: c'è troppa vita, troppo amore. Ma nel rispetto del giocatore e di tutti non si può aspettare in eterno, non si può aspettare giugno. E se poi malauguratamente dovesse prendere un raffreddore? Perché rischiare?».

[...]

A proposito: si dice che abbia avuto contatti con la Lazio, l'Inter, il Tottenham, il Milan e la Juve.

«Fino a gennaio non avrò contatti con nessuno. Su questo sono molto fermo: dal 2, poi, tutto cambierà».

[...]

Partiamo da un presupposto: Insigne vuole restare al Napoli?

«Credo che bastino il suo attaccamento alla maglia, i sacrifici, il modo di giocare, la gioia per le vittorie e la rabbia per le sconfitte: ha sempre risposto senza rispondere. Superfluo aggiungere altro».

[...]

Senta, Pisacane, siamo sinceri: il Napoli e il suo capitano sono lontani?

«In questo momento, per i tempi, sono abbastanza lontani. Ma tutto può cambiare. Eventualmente, ce ne faremo una ragione».

E ora la palla a chi passa?

«Al presidente. Non è mai stata in mano nostra».

Tutta l'intervista esclusiva sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Insigne fa 400 partite con il Napoli: targa e maglia speciale
Guarda la gallery
Insigne fa 400 partite con il Napoli: targa e maglia speciale

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti