Coppa Italia, Napoli-Atalanta 0-0 nella semifinale di andata

Gattuso delude con un assetto iperdifensivo, Gasperini si mangia le mani per le occasioni sprecate: si decide tutto fra una settimana a Bergamo
Coppa Italia, Napoli-Atalanta 0-0 nella semifinale di andata© FOTO MOSCA
Pasquale Salvione

Il risultato lascia tutto aperto, la prestazione invece lascia ancora tanti dubbi. Il Napoli non è andato oltre il pareggio nella semifinale di andata di Coppa Italia con l’Atalanta, nessun gol al Maradona e finale da guadagnare tutta nel ritorno fra una settimana a Bergamo. Il risultato sta sicuramente più stretto a Gasperini, che può solo mangiarsi le mani per non aver ipotecato la qualificazione contro un Napoli esageratamente difensivo, che ha pensato soprattutto a non prenderle. Non è difficile ipotizzare che la partita non sia piaciuta al presidente De Laurentiis, deluso dal rendimento della squadra dell'ultimo mese e pronto a intervenire con decisione in caso di necessità.

Napoli, la rivoluzione di Gattuso

Quella di Gattuso è stata una vera e propria rivoluzione tattica, provata nel finale della partita di campionato con il Parma e riproposta in coppa. Un Napoli molto più accorto, con un 3-4-3, con l’intenzione di confrontarsi quasi a specchio con l’Atalanta: tre centrali dietro (Manolas, Maksimovic e Koulibaly) con Di Lorenzo e Hysaj esterni e la coppia centrale di centrocampo Demme-Bakayoko. Poi Politano e Insigne larghi e Lozano punta centrale. Una scelta che ha dato sicuramente più spessore e più sostanza agli azzurri, ma che è costata difficoltà enormi in fase di costruzione. Ha fatto fatica a uscire da dietro la squadra di Gattuso, con Insigne unico in grado di farsi vedere fra le linee e dare sviluppo alla manovra. Quasi mai hanno funzionato i lanci lunghi, mai il Napoli è riuscito a creare problemi in velocità o in ripartenza.

Napoli-Atalanta senza gol: Gattuso e Gasperini si giocano la finale al ritorno
Guarda la gallery
Napoli-Atalanta senza gol: Gattuso e Gasperini si giocano la finale al ritorno

Napoli, che sofferenza!

La partita azzurra è stata una sofferenza, perché l’Atalanta invece ha continuato a fare il suo solito gioco, fatto di grande intensità, di movimenti armonici e dei soliti inserimenti dei difensori che hanno creato apprensione nella retroguardia azzurra, spesso sorpresa dai tagli e dalle imbucate. Nel primo tempo, dopo un tiro in avvio di Insigne, la squadra di Gasperini ha sprecato occasioni a ripetizione: Muriel su punizione e su azione, Pessina, Toloi e due volte Zapata hanno fatto infuriare l’allenatore in panchina. Solo spettatore il Napoli, che si è fatto vivo con un diagonale a lato di Demme (uscito poi in barella per una violenta pallonata).

Vincono le difese

Nemmeno la girandola di cambi del secondo tempo (Elmas, Zielinski, Petagna e Osimhen) ha dato una scossa al Napoli, che ha subito la maggiore pressione dell’Atalanta, ancora pericolosa con il solito Muriel e Zapata (super Ospina). Gasperini ha giocato anche le carte Ilicic (inizialmente in panchina), Pasalic e Lammers (fuori Pessina, Muriel e Zapata) ma non è riuscito a scardinare il fortino eretto da Gattuso. Nessun gol al Maradona, se ne riparla fra una settimana a Bergamo.

Napoli-Atalanta 0-0: tabellino e statistiche

 

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti