Juve-Inter 0-0: Pirlo in finale di Coppa Italia

Conte eliminato, i bianconeri sfruttano il 2-1 di San Siro e ora aspettano il risultato di Atalanta-Napoli per conoscere il nome della rivale
Juve-Inter 0-0: Pirlo in finale di Coppa Italia© Getty Images
Vladimiro Cotugno
TagsJuventusIntercoppa italia

ROMA - Un pareggio che vale come una vittoria: Pirlo chiude la porta ai tentativi di Conte di ribaltare l'1-2 subito all'andata a Milano e si prende la qualificazione alla finale di Coppa Italia. Juve che trema nel primo tempo sotto gli assalti di Hakimi ma che resta in piedi e poi nella ripresa sfiora anche il gol con Ronaldo, Inter che è sbattuta contro il muro bianconero ma anche sprecona, con Lautaro Martinez a fallire due incredibili occasioni che avrebbero potuto cambiare il corso del match e l'esito finale.

Conte e il doppio play, Pirlo gioca a fare il Pep

Conte sceglie Eriksen a centrocampo per sostituire lo squalificato Vidal, doppio play con Brozovic per avere più fonti di gioco. Rientrano dalla squalifica Lukaku e Hakimi per dare l'assalto ai bianconeri. A sinistra c'è Darmian. Pirlo, con Arthur out e Morata recuperato solo per la panchina, tiene fuori Bonucci, Chiellini, McKennie e Chiesa: a sinistra Alex Sandro e Bernardeschi con i compiti di limitare la fascia destra interista, con il brasiliano che come Danilo viene spesso viene dentro al campo a dare un riferimento in più mentre Bentancur scende tra i centrali.

Demiral è un muro, Handanovic ferma Ronaldo: la Juve è in finale di Coppa Italia
Guarda la gallery
Demiral è un muro, Handanovic ferma Ronaldo: la Juve è in finale di Coppa Italia

Confusione Juve, Hakimi scatenato. Lautaro grazia Pirlo

L'idea di Pirlo di un possesso palla così ragionato si infrange sul pressing Inter: un lancio lungo per Ronaldo all'8' e tutto quello che si vede di Juve, poi è solo Inter: al 10' Hakimi se ne va su Alex Sandro e mette dentro, Demiral spazza, Lautaro Martinez controlla e calcia ma invece di colpire il pallone prende la gamba di Bernardeschi cadendo a terra urlando. Proteste furiose di Conte e di tutta la panchina nerazzurra, Mariani lascia continuare. Si riparte, Darmian duro su Ronaldo prende il primo giallo del match. Hakimi è la spina nel fianco della Juve, soprattutto perché l'Inter decide di attendere e ripartire in velocità puntando tutto sull'esterno: Bernardeschi e poi Alex Sandro lo stendono nei pressi dell'area - giallo per il brasiliano che era diffidato -, sulla punizione di Eriksen Lukaku - bel duello d'altri tempi con De Ligt - devia con il braccio sfiorando la porta. La Juve è in difficoltà, solo Cuadrado è in grado di superare il pressing nerazzurro ben studiato da Conte che porta a guadagnare angoli in serie: su uno di questi Demiral a corpo morto toglie a Eriksen il gol, Lautaro ha la porta spalancata ma a porta vuota colpisce al volo tirando malamente addosso a un avversario ben fuori dallo specchio. Ci prova Brozovic dopo la mezz'ora, Buffon blocca, è l'ultima fiammata Inter prima di rivedere la Juve: i bianconeri, scampati all'assalto, si fanno pericolosi con il solito Ronaldo: De Vrij è perfetto in spaccata a chiudergli il destro a botta sicura, poi Handanovic di piede respinge il suo sinistro sul primo palo.

Contatto fra Lautaro e Bernardeschi: Conte si infuria
Guarda la gallery
Contatto fra Lautaro e Bernardeschi: Conte si infuria

Ronaldo spreco e show, Conte ci prova anche con Sensi ma non basta

Si riparte senza cambi e ancora con Hakimi protagonista, sinistro a giro alto di poco sulla traversa. Conte richiama Darmian, mezz'ora buona con Perisic e tutti all'assalto. Eriksen costringe all'errore Bentancur, ancora stanco per un gran ripiegamento precedente, e Lautaro in spaccata grazia Buffon in uscita. Dall'altra parte ancora Ronaldo manda alto il sinistro, poi cambia anche Pirlo: McKennie al posto di un Bernardeschi spaesato e il texano mette subito in porta CR7, esterno destro addosso al portiere in uscita e partita che resta in bilico. Sensi per Eriksen, Kolarov per Bastoni, ma è ancora Ronaldo a prendersi la scena: doppio passo su Skriniar, tunnel a Barella e siluro sul primo palo respinto da Handanovic in tuffo. Un giallo a Brozovic porta all'ultimo quarto d'ora con due grandi occasioni: destro di Sensi da fuori area deviato da Alex Sandro in corner a un passo dal palo, poi Kulusevski che in solitaria punta e salta Kolarov ma si vede chiudere lo specchio sottomisura dal portiere. L'Inter preme sull'area bianconera, Hakimi ancora con un tiro-cross e un destro potente sull'esterno della rete, i minuti passano, Pirlo richiama Cuadrado e mette Chiellini a blindare la difesa a 5 un po' come Allegri quando inseriva Barzagli. Sensi ancora insidioso tra una barricata bianconera impenetrabile e 0-0 che si materializza: in finale ci va la Juventus, con siparietto finale dalle tribune con Agnelli a urlare qualcosa verso la panchina nerazzurra.

 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti