Mascherano, il Barcellona teme il sorpasso della Juventus

L’argentino affascinato dal progetto di Allegri: Luis Enrique in ansia
© EFE

ROMA - Mascherano, ancora tu. Sì, perché l'idea di fare doppietta e di assicurarsi, oltre a Dani Alves, anche il campione argentino, non è tramontata nei pensieri dei dirigenti della Juventus. Anzi, il lavoro degli uomini mercato bianconeri continua sotto traccia per tentare di sfruttare ogni spiraglio che si potrebbe aprire nella vicenda tra il Barcellona e il difensore. Perché dalla Spagna continuano ad arrivare segnali di inquietudine da parte del club catalano che teme davvero di perdere uno dei leader della squadra e sta facendo di tutto per blindarlo. Ecco allora che rientra in questa ottica la mossa del Barça che ha inviato negli Stati Uniti un dirigente, Robert Fernandez, per incontrare Mascherano a margine della “Copa America” e discutere del rinnovo di contratto.

IL BARCELLONA VA DA MASCHERANO

«MASCHERANO AI SALUTI»

STALLO - Sarebbe infatti questo uno dei motivi di insoddisfazione dell'argentino che auspica un prolungamento del rapporto con i catalani, in scadenza nel 2018, con annesso adeguamento dell'ingaggio. La trattativa era giunta ad una fase di stallo e questo non ha lasciato sereno il giocatore che ora sta affrontando l’avventura negli Usa con la Seleccion. Da qui gli abboccamenti con la Juventus, i primi contatti delle scorse settimane: l'interesse dei bianconeri non ha lasciato indifferente “El Jefecito” e infatti l'entourage aveva già iniziato a ragionare con i dirigenti juventini sulla base di un accordo triennale. A quel punto il Barcellona ha iniziato ad alzare le barricate, prima con il tecnico Luis Enrique e poi con i vertici della società. I maligni hanno pensato anche che Mascherano abbia accettato la corte della Juve per ottenere quanto desiderato dal Barcellona, «utilizzando» il flirt con il bianconeri per spaventare i blaugrana e accelerare le pratiche per il rinnovo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Commenti