Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Milan, cessione vicina. L'amarezza di Berlusconi: Mi dispiace tantissimo

Milan, cessione vicina. L'amarezza di Berlusconi: Mi dispiace tantissimo
© LaPresse

La durata dell’esclusiva, con scadenza al 30 giugno, verrà posticipata di circa una decina di giorni

 Furio Fedele

mercoledì 29 giugno 2016 10:26

MILANO - Seppur a malincuore («Mi spiace tantissimo cedere il Milan, ma non ce la facevo più ad andare avanti» avrebbe confidato si suoi più stretti collaboratori che si alternano al capezzale del San Raffaele) Silvio Berlusconi ha accettato di cedere il pacchetto di maggioranza del club rossonero. Fra i tanti segnali in tal senso giunti in queste ultime ore c’è stato anche quello dell’avvicendamento per la carica di ad di Fininvest fra Pasquale Cannatelli e Danilo Pellegrino. Quest’ultimo è uno dei manager di fiducia di Marina Berlusconi che, dopo l’intervento a cuore aperto subito dal padre, ha preso saldamente in mano le redini delle aziende e delle attività di famiglia, non ultimo il Milan e Forza Italia.

MILAN, UFFICIALE: MONTELLA E' IL NUOVO TECNICO

TUTTO SUL MILAN

SEGNALE - L’ingaggio di Montella rappresenta, comunque, un segnale molto importante anche per quanto riguarda la cessione della maggioranza della società al consorzio cinese. L’accordo è quasi fatto anche se la durata dell’esclusiva, con scadenza al 30 giugno, verrà posticipata di circa una decina di giorni. Il documento d’intesa è ormai pronto. Manca solo la firma finale di Fininvest con benestare del presidente Berlusconi. I cinesi sono pronti ad acquistare, entro il 30 settembre, l’80 per cento del pacchetto azionario garantendo sia il piano pluriennale di investimenti per il club (400 milioni di euro spalmati su 4 anni) sia la governance (su base triennale con la Famiglia Berlusconi. Quindi oltre a Silvio, eletto presidente onorario, anche la figlia Barbara dovrebbe conservare una carica operativa relativa al marketing con Galliani confermato per quanto riguarda la parte sportiva. La stagione 2016-2017 verrà inaugurata, quindi con l’attuale staff dirigenziale ma entro il 30 settembre, quando sarà ufficializzato il passaggio delle consegne ai cinesi, si dovrebbe verificare l’innesto di almeno 3-4 elementi della nuova proprietà. Sicuramente fra questi ci sarà Nicholas Gancikoff che, nel ruolo di ad, collaborerà direttamente con Galliani per la parte sportiva. Così come i cinesi inseriranno un loro dirigente nella struttura commerciale che dovrà espandere il brand rossonero soprattutto nel Far Est.

Leggi il resto dell'articolo sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Articoli correlati

Commenti