Jerome Boateng offerto alla Roma: Tiago Pinto ci pensa

Il 33enne difensore tedesco, svincolato dal Bayern, è stato proposto dall’agente alla società giallorossa
Jerome Boateng offerto alla Roma: Tiago Pinto ci pensa© EPA
Roberto Maida
TagsRoma

L’occasione può cambiare i piani: un mese fa non è stato preso in considerazione mentre adesso Jerome Boateng è un calciatore che può fare al caso della Roma. Svincolato dal Bayern, 33 anni a settembre, è un difensore tosto ed esperto che può integrare la rosa grazie alla duttilità: è un centrale che può giocare anche sulla fascia, soprattutto a destra. Non è chiaramente il sostituto ideale di Spinazzola ma è un rinforzo potenzialmente utile per Mourinho, che ha chiesto a Tiago Pinto «regali» pronti all’uso. Lo scorso anno ha giocato 29 partite in Bundesliga. Per il momento è il procuratore, l’attivissimo Ramadani, a proporlo. Alla Roma come al Monaco, l’altro club interessato. Ma non è escluso che stavolta la Roma decida di trattare.

La carrellata

In queste ore del resto sono tanti i manager che stanno proponendo giocatori a Tiago Pinto. Sono quasi tutti terzini sinistri. Tra i big, la Roma valuta l’eventuale prestito dello spagnolo Marcos Alonso, che ha un ingaggio alto ma sostenibile grazie al Decreto Crescita. Ma l’alter nativa più concreta è l’algerino Ramy Bensebaini, 26 anni, del Borussia Mönchengladbach: la sua candidatura è reale. Dalla Francia invece assicurano che la Roma abbia fatto un sondaggio per Reinildo Mandava, del Lille, contratto in scadenza nel 2022. Ma la richiesta da 15 milioni ha scoraggiato Tiago Pinto. Mandava peraltro è stato cercato dal Napoli come alternativa a Emerson.

Roma, Mourinho aspetta Spinazzola nel piazzale di Trigoria: ecco l'incontro
Guarda il video
Roma, Mourinho aspetta Spinazzola nel piazzale di Trigoria: ecco l'incontro

Colloqui

Ieri intanto Mourinho a Trigoria ha accolto alcuni giocatori di rientro dalle vacanze. Tra questi c’era Edin Dzeko, il cui futuro è ancora incerto. La Roma, come è noto, vorrebbe venderlo per risparmiare lo stipendio da 15 milioni lordi e quindi investire su un centravanti più giovane. Ma vendere è diverso da regalare. E in questo mercato statico, sarà difficile che Dzeko trovi un’offerta tale da convincerlo a liberare la villa di Casalpalocco con un anno d’anticipo. Di sicuro a lui non interessa giocare in un campionato “minore”. Perciò gli approcci elettorali del candidato presidente del Fenerbahce, a parole disposto anche a rilevare il contratto con un congruo prolungamento, sono destinati a rimanere insoddisfatti. Dzeko si sposta solo per un club più importante della Roma che in questo momento non c’è. Ad ogni modo la sua conferma non è un problema per Mourinho, che è disposto a scommettere sul suo orgoglio per una stagione da protagonista.

I rinforzi

Quanto al resto del panorama: 1) oggi, dopo le visite mediche, sarà ufficiale il prestito di Pau Lopez al Marsiglia. 2) portiere per portiere, la Roma conta di chiudere in fretta l’acquisto di Rui Patricio dal Wolverhampton. L’accordo è vicino, anche se non ancora concluso. 3) per l’arrivo di Granit Xhaka bisognerà attendere qualche giorno in più, perché la forbice tra domanda e offerta con l’Arsenal non si è ancora chiusa. Non ci saranno sorprese, perché l’intesa con il giocatore è blindato. Lo stesso Xhaka si è esposto per accelerare l’affare. L’obiettivo è averlo in casa nella seconda fase del ritiro, che dovrebbe essere in Portogallo, con tutti gli altri nazionali che hanno partecipato all’Europeo.

Spinazzola sbarca a Roma dopo l'intervento in Finlandia
Guarda il video
Spinazzola sbarca a Roma dopo l'intervento in Finlandia

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti