Euro2020: ecco la mascotte azzurra, una creazione Rambaldi

Un pastore maremmano-abruzzese con la maglia azzurra è il portafortuna della Nazionale. Gravina: "Regaliamo a Carlo il quarto Oscar e agli italiani tanta dolcezza"
Euro2020: ecco la mascotte azzurra, una creazione Rambaldi
TagsItaliaEuro2020Rambaldi

Un cucciolo di pastore maremmano-abruzzese dalla faccia tenera e simpatica e con indosso la maglia italiana, è la mascotte che, da oggi in poi, accompagnerà le Nazionali azzurre in tutte le loro avventure. La mascotte è una creatura di Carlo Rambaldi, maestro scomparso nel 2012 noto a livello internazionale per le sue opere in campo cinematografico con le quali ha vinto tre Oscar. Il presidente della Figc Gabriele Gravina racconta la storia della creazione di Rambaldi: "Nel 2007 mi consegnò un book che conteneva questi bozzetti che io ho donato alla Figc. Oggi regaliamo simbolicamente a Carlo Rambaldi il quarto Oscar e agli italiani tanta dolcezza".

Poker dell'Italia alla Repubblica Ceca. Che show degli azzurri
Guarda la gallery
Poker dell'Italia alla Repubblica Ceca. Che show degli azzurri

Il motivo dietro la mascotte azzurra

Negli appunti allegati al bozzetto della mascotte, Rambaldi scriveva di aver scelto l'immagine del pastore maremmano-abruzzese "perché è un cane dotato di grande coraggio, di capacità di decisione, tipicamente italiano e la sua storia è intimamente legata alla storia millenaria della nostra terra e delle sue genti, adatto a rappresentare lo sport più bello del mondo, le passioni che suscita e l'italianità". Oltre ad aver individuato in questo animale "la capacità di iniziativa, la competitività, la fedeltà, il senso del gruppo".

Gli azzurri in campo dopo le convocazioni ufficiali
Guarda il video
Gli azzurri in campo dopo le convocazioni ufficiali

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti