Ilaria D'Amico, lacrime in diretta tv: il motivo è drammatico

La nota giornalista, compagna di Buffon, racconta il dolore per la grave perdita subita. Scopri di più
Ilaria D'Amico, lacrime in diretta tv: il motivo è drammatico

MILANO - "Non riesco a parlare molto di Katia, di mia sorella. Ho una commozione che arriva subito, arriva un'emozione che mi spezza il respiro. Sono grata a questa scelta, di aver più tempo da dedicare alla mia famiglia. A mia madre e ad Alessandra, la figlia di Katia. Una meravigliosa scout di 25 anni". Visibilmente commossa, Ilaria D'Amico, nota giornalista e compagna del portiere della Juventus Gianluigi Buffon, racconta la prematura scomparsa della sorella negli studi televisivi di Verissimo. "Lei per me era il punto di riferimento, la base in cui tornare - prosegue -. Abbiamo fatto l'ultimo percorso insieme, senza dirle tutto. Lei non aveva bisogno di sapere tutto, così ha combattutto fino alla fine. Lei ci ha resistuito la sua ironia e la sua capacità di crederci fino in fondo. Le avrei regalato parte di me, organi di me. La malattia l'ha portata piano piano ad addormentarsi, senza dolore e senza terapia del dolore. Lo reputo una ricompensa per una donna che è stata sempre così buona".

Ilaria D'Amico: "Preoccupata per mamma, ma è una leonessa"

"La mia mamma è forte, una leonessa. Ci ha cresciuti da sola, solo questo poteva piegarla. È la cosa che mi preoccupa di più. Dopo essersi piegata, adesso riesce a concentrarci su di noi di nuovo. Adesso vive con mia nipote Alessandra, che sta già insegnando alle elementari tutto da sola. Da una settimana, gli occhi di mia madre sono tornati un minimo a brillare. Chiamo mia madre tutti i giorni alle 17.30, l'orario del tramonto. L'orario della malinconia. La telefonata parte in salita, ma poi finisce meglio", conclude Ilaria D'Amico.

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti