Corriere dello Sport

Italia

Vedi Tutte
Italia

Lippi: «Bravo De Biasi. Il Milan? Non mi ha cercato»

Lippi: «Bravo De Biasi. Il Milan? Non mi ha cercato»
© Bartoletti

L'ex ct, campione del mondo con l'Italia nel 2006, si complimenta con il collega della Nazionale albanese che ha centrato la storica qualificazione. Poi sui rossoneri: «Non mi ha chiamato nessuno». Chiusura su Valentino Rossi: «Che maturità!»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 12 ottobre 2015 14:11

ROMA - "Gianni De Biasi ha fatto un impresa straordinaria, che nessuno credeva possibile. Non c'è nulla da fare, gli allenatori italiani hanno qualcosa in più rispetto agli altri". Dai microfoni Rai di RadioDue il ct campione del mondo 2006 Marcello Lippi elogia il collega che ha appena condotto l'Albania alla storica qualificazione a un Europeo, quello dell'anno prossimo in Francia. Nel torneo continentale ci sarà anche l'Italia, e intanto per cementare il gruppo ieri c'è stata la cena collettiva a cui hanno partecipato anche staff tecnico, dirigenti, staff medico e vari dipendenti Figc. "L'Italia a cena insieme per festeggiare la qualificazione agli Europei? Il festeggiamento non esiste per chi lotta sempre per i vertici - dice Lippi -. Anche io, come Conte, da ct ho portato tante volte a cena la squadra, perché dopo diversi giorni di ritiro serve un momento per stare insieme e fare gruppo".

TUTTO SULLA SERIE A - TUTTO SULLE QUALIFICAZIONI

LIPPI SUL MILAN - Intanto Lippi, reduce dall'esperienza in Cina, è in attesa di un'eventuale chiamata, e si è fatto il suo nome a proposito del Milan: "Se i rossoneri mi hanno cercato? No, non mi hanno contattato come non lo ha fatto nessuno finora", puntualizza l'ex ct della Nazionale. Ieri però l'ex 'condottierò azzurro si è entusiasmato per cose extracalcistiche. "Ieri mi sono entusiasmato per l'ennesima prova di maturità e saggezza di Valentino Rossi - rivela Lippi sempre dai microfoni Rai di RadioDue -: è un uomo di eccezionale bravura, anche nella comunicazione, e di una classe unica. Rossi è grandissimo, ieri è stato sempre tranquillo - aggiunge -, non si é preoccupato quando Pedrosa andava fortissimo ed ha avuto una eccezionale gestione della parte finale. Dove trova le motivazioni uno come lui che ha vinto già tutto? Le motivazioni le trovi nella vittoria: è talmente bello vincere che non ci rinunci mai".

TUTTO SULLA MOTOGP - CLASSIFICA PILOTI

Per Approfondire

Commenti