Italia, Mancini: "Ripescaggio? Se qualcuno si ritira, c'è il ranking"

Il ct azzurro crede ancora nel Mondiale e sul futuro di Chiellini dice: "Farà un anno all'estero"
Italia, Mancini: "Ripescaggio? Se qualcuno si ritira, c'è il ranking"© LAPRESSE
3 min
TagschielliniMancini

FIRENZE - "Non so cosa lui penserà per il futuro, mi sembra che voglia giocare ancora un anno all'estero". Lo ha dichiarato oggi pomeriggio a Firenze il ct della Nazionale Roberto Mancini a margine della cerimonia della 'Hall of Fame del calcio italiano'.  L'allenatore jesino ha commentato così le voci sul futuro di Giorgio Chiellini che, il prossimo 1 giugno, giocherà la sua ultima partita in maglia azzurra, a Wembley, contro l'Argentina di Messi. Lo stesso Mancini vuole godersi il suo capitano e assicura che "nei prossimi giorni giorni avrò il tempo per stare insieme e per parlarci". Sul un possibile, quanto utopico, ripescaggio dell'Italia in Qatar, Mancini afferma: "Bisogna vedere come. La voce del possibile ripescaggio dell'Italia è venuta fuori dall'Ecuador o dall'Iran. Noi in questo momento non ci siamo, poi se qualcuno si ritira, c'è il ranking...".

Italia, Chiellini lascia: ecco la top 15 dei più 'anziani' di sempre
Guarda la gallery
Italia, Chiellini lascia: ecco la top 15 dei più 'anziani' di sempre

Mancini su Balotelli: "Poteva tornare in Nazionale"

Gli azzurri, intanto, si troveranno domani per il consueto stage presso il Centro tecnico di Coverciano: per Mancini sarà una ghiotta opportunità, soprattutto per "vedere ragazzi che non abbiamo mai avuto la possibilità di vedere per vari motivi, e mi sembra che sia una cosa buona che può venire utile per il futuro". Per le prossime partite, saranno convocati "quelli che erano con noi all'Europeo e quelli che sono sempre stati nel gruppo che sono più giovani ed avranno la possibilità di giocare partite importanti perché la Nations League prevede Germania, Inghilterra ed Ungheria e saranno tre partite buone". Sulla mancata qualificazione degli azzurri al Mondiale, sostiene che la squadra l'abbia metabolizzata bene mentre lo staff non ha avuto la stessa opportunità di razionalizzare la prematura eliminazione e "questo un po' ci pesa". "Balotelli? Quando Mario gioca e fa gol io sono contento - ha concluso Mancini - Comunque ho un rapporto speciale con Mario. C'è stato un momento in cui sarebbe potuto tornare in Nazionale, non è stato così, e ci dispiace veramente".

Mancini, le convocazioni e il futuro della Nazionale
Guarda il video
Mancini, le convocazioni e il futuro della Nazionale

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti