Chi è Matteo Retegui, l'attaccante convocato dall'Italia

Tutto quello che c'è da sapere sul classe '99 del Tigre, in prestito dal Boca Juniors, detto "El Chapita", centravanti fisico e con il fiuto del gol che ha stregato il ct della Nazionale, Roberto Mancini
Chi è Matteo Retegui, l'attaccante convocato dall'Italia© Getty Images
5 min

La novità assoluta della Nazionale di Roberto Mancini, in vista dei primi due impegni contro Inghilterra e Malta valevoli per le qualificazioni a Euro2024, risponde al nome e cognome di Mateo Retegui. L'attaccante classe '99 del Tigre, in prestito dal Boca Juniors, è stato convocato dal ct dell'Italia per le partite contro la nazionale dei Tre Leoni, guidata da Gareth Southgate, e i maltesi dell'ex Atalanta e Chievo, Michele Marcolini. I noti problemi nel reparto offensivo dell'Italia, acuiti dalle indisponibilità di Immobile e Raspadori e dalle non perfette condizioni di Scamacca, hanno spinto Mancini a chiamare dall'Argentina il 23enne Retegui, protagonista con il Tigre. Andiamo a scoprire chi é il nuovo attaccante dell'Italia

Retegui, chi è e perché è stato convocato da Mancini 

Mateo Retegui entra a far parte di quella cerchia di oriundi che hanno vestito la maglia dell'Italia. I casi più recenti: Jorginho, Emerson Palmieri, Luiz Felipe, Toloi. Il 23enne attaccante del Tigre ha ottenuto il passaporto italiano grazie al nonno materno originario di Canicattì, in Sicilia. Il ct della Nazionale, Roberto Mancini, confida molto nelle caratteristiche tecniche e fisiche di Retegui, visti i noti problemi che la Nazionale si porta dietro in tema di attaccanti. Mateo è cresciuto in una famiglia di sportivi. Papà Carlos, detto "Chapa", è l'ex ct della nazionale argentina di hockey sul prato con cui ha conquistato l'oro alle Olimpiadi di Rio 2016. La sorella, Micaela, che pratica lo stesso sport, ha vinto l'argento a Tokyo 2020. E dire che Mateo nel 2014 aveva deciso di seguire lo stesso sport di papà e sorella, ma poi...

Retegui, dove tutto è iniziato 

Mateo entra a far parte del settore giovanile del River Plate. Nel suo ruolo però, quello di centrocampista, è in ascesa un certo Ezequel Palacios, ora al Bayer Leverkusen. Lo spazio ridotto lo porta a dedicarsi solo all'hockey su prato nel 2014. La svolta arriva nell'estate del 2016, con Diego Mazzilli, scout del Boca Juniors, che gli propone di entrare nelle giovanili degli Xeneizes. Retegui si sposta dal River a parametro zero senza alcuna pressione e da centrocampista diventa un attaccante. Il debutto con il Boca arriva il 17 novembre 2018 sostituendo un certo Carlos Tevez. Ormai l'hockey su prato è il passato, per Retegui il futuro è il calcio. 

Retegui, il giro dei prestiti in Argentina


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti