Maradona, l'omaggio della Serie A: 1' di silenzio, lutto al braccio e video-tributo

La Lega ha deciso inoltre, sui maxischermi di tutti i campi della massima divisione italiana, scorreranno le immagini più belle del Pibe de Oro, prima del fischio d'inizio e al minuto 10. La scitta "Ciao Diego" sostituirà il logo ufficiale della competizione
Maradona, l'omaggio della Serie A: 1' di silenzio, lutto al braccio e video-tributo© Ansa

ROMA - La Serie A commemora Diego Armando Maradona in occasione delle gare di campionato in programma nel week end. La Lega ha deciso che per omaggiare El Pibe de Oro ci saranno dei riti speciali in tutti i campi: durante il riscaldamento delle squadre sarà trasmesso sui maxischermi degli stadi il video con Maradona che palleggia nel prepartita di una gara europea contro il Bayern Monaco nel 1989, sulla musica di "Live is life". Tutti i giocatori scenderanno in campo con una fascia nera al braccio sinistro e prima del calcio d'inizio ci sarà un minuto di silenzio, con giocatori e ufficiali di gara schierati attorno al cerchio di centrocampo. Inoltre durante il minuto di raccoglimento sarà proiettata sui maxischermi un'immagine di Maradona e sugli spalti, laddove abitualmente è riprodotto virtualmente il logo della Serie A TIM, sarà proiettato il messaggio "CIAO DIEGO". Infine dal minuto 10'00" di ciascuna gara sui maxischermi dello stadio verrà nuovamente proiettata l'immagine di Diego Armando Maradona, per un ultimo omaggio che durerà un minuto.

Maradona, l'omaggio della Conmebol: palazzo illuminato e foto di Diego
Guarda la gallery
Maradona, l'omaggio della Conmebol: palazzo illuminato e foto di Diego

Maradona saluta un bambino: l'ultimo video prima di morire
Guarda il video
Maradona saluta un bambino: l'ultimo video prima di morire

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti