Adidas in pole position davanti alla Nike. Il poker della Puma, ma senza l’Italia

New Balance con Panama e Costa Rica. L’italiana Erreà sponsor dell’Islanda. E ci sono anche Umbro, Uhlsport e Hummel
Adidas in pole position davanti alla Nike. Il poker della Puma, ma senza l’Italia© EPA
Biagio Angrisani

ROMA - L’Adidas parte in pole position con dodici pedine in pista davanti alla Nike a quota dieci. La Puma staccata ma piazza un poker. New Balance ha una coppia in mano. Puntate singole per Uhlsport, Umbro, Hummel e l’italiana Erreà. Tutte le Nazionali presenti ai Mondiali in Russia hanno uno sponsor. La parte del leone è della multinazionale tedesca Adidas, un impero da 25 miliardi di dollari di fatturato che oltre alla Mannschaft, campione in carica, sponsorizza il Paese ospitante la Coppa del Mondo, Spagna e Argentina (non è poco), Egitto, Iran, Marocco, Messico, Belgio, Colombia, Giappone e la Svezia che ha messo fuori la sVenturata Italia togliendo un asso dal pokerissimo della Puma (presente adesso con Uruguay, Serbia, Senegal e Svizzera), un marchio con il quartier generale a Herzogenaurach in Germania, sede anche dell’Adidas, nonché della Schaeffler Group Technologies colosso mondiale nei cuscinetti volventi. Herzogenaurach è una cittadina di ventitremila abitanti della Baviera con piena occupazione, senza una cicca per terra nelle strade, con un buon reddito pro-capite e un’amministrazione rosso-verde.

STATES. La Nazionale degli Stati Uniti non si è qualificata ma in Russia è ben presente la multinazionale Nike a stelle e strisce nonché leader mondiale nel settore per fatturato con 34 miliardi di dollari e con un utile di 4,3 miliardi del verde Buck. Dieci squadre sponsorizzate: Arabia Saudita, Portogallo, Francia, Australia, Croazia, Nigeria, Brasile, Corea del Sud, Inghilterra, Polonia. In pratica tutti i Continenti. Naturalmente brilla il verdeoro della Seleçao pentacampeon, la nazionale più titolata al mondo (un inciso: grazie anche alle assurde alchimie di Arrigo Sacchi nel 1994 quando l’Italia a Pasadena ebbe una chance irripetibile) davanti al poker azzurro affincato nel 2014 da quello tedesco.

NEW BALANCE - Antica azienda statunitense con il suo headquarters a Boston nel Massachusetts, la New Balance fattura circa otto miliardi di dollari e al Mondiale in Russia è presente con le Nazionali di Costa Rica e Panama che non hanno molte chance di vincere la Coppa del Mondo, però sono ai nastri di partenza. Determinante per quelli del Gran Canale il gol-fantasma in Panama-Costa Rica che ha fatto fuori proprio la Nazionale degli Stati Uniti: nel football capitano episodi simili. Come anche, per esempio, imbattersi durante un Mondiale in un Byron Moreno che prima faceva l’arbitro FIFA cantando a soggetto e poi si è dedicato al narco-traffico e all’evasione fiscale.

UNA A TESTA. L’Uhlsport è un’azienda tedesca e veste la Tunisia, Umbro è un marchio dell’Iconix Brand Group (statunitense) e veste il Perù. La Hummel è una una multinazionale d’abbigliamento danese ed è lo sponsor della … Danimarca. Last but not least, l’Erreà, azienda italiana con sede a Torriele in provincia di Parma, è lo sponsor dell’Islanda. Abbigliamento di qualità con il plus di essere la prima azienda certificata Oeko-Tex nel settore Teamwear, garantendo tessuti che non rilasciano sostanze nocive in quantità superiore ai limiti previsti dall'Oeko-Tex standard 100. Un po’ di tricolore al Mondiale non guasta dovendo subire la sventura di non vedere gli Azzurri in campo dopo 60 anni. E la riproduzione è riservata.

Russia 2018, le previsioni delle stelle
Guarda il video
Russia 2018, le previsioni delle stelle

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti