Beckham come uno sceicco: offerta da non credere per Qatar 2022!

Secondo i tabloid inglesi, l'ex fenomeno inglese avrebbe accettato una cifra multimilionaria per diventare il testimonial del paese che ospiterà il prossimo Mondiale
Beckham come uno sceicco: offerta da non credere per Qatar 2022!© Getty Images
TagsBeckhamQatar 2022

I Mondiali 2022 si avvicinano e i preparativi si fanno sempre più intensi. Tra i tanti i volti noti coinvolti nel torneo spunta anche David Beckham, che avrebbe accettato un'offerta da capogiro per fare da testimonial al Qatar, paese che per la prima volta ospiterà la manifestazione. "L'ex capitano dell'Inghilterra, soprannominato Goldenballs, ha firmato un contratto del valore di 15 milioni di sterline all'anno nel prossimo decennio per diventare l'ambasciatore del paese", riferisce il Sun. Per un totale di quasi 180 milioni di euro.

Maserati MC20, una supercar per David Beckham
Guarda la gallery
Maserati MC20, una supercar per David Beckham

Mondiali 2022, Beckham testimonial del Qatar per una cifra milionaria

A inizio ottobre, Beckham era volato a Doha per visitare gli stadi e incontrare le istituzioni locali, in vista del Mondiale che si terrà il prossimo anno. "David crede nell'impegno del Qatar per il progresso e che la Coppa del Mondo, la prima che si terrà nel mondo arabo, possa apportare significativi cambiamenti positivi - riporta una fonte citata dal Sun - Crede fortemente nel potere che ha calcio di colmare le differenze ma, soprattutto, ha visto i progressi sulle questioni che contano. Ingaggiando David, la speranza è che più occidentali saranno incoraggiati a visitare le bellissime spiagge del Qatar, le vaste distese di dune di sabbia e gli incredibili grattacieli". 

Beckham in lacrime: riguarda la sua punizione alla Grecia 20 anni dopo
Guarda il video
Beckham in lacrime: riguarda la sua punizione alla Grecia 20 anni dopo

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti