"L'omosessualità è una malattia mentale". Bufera ai Mondiali per una frase

A poche settimane dal via della competizione, una dichiarazione di un ambasciatore, scatena le polemiche
"L'omosessualità è una malattia mentale". Bufera ai Mondiali per una frase© EPA
1 min
TagsMondialiQatarGay

A poche settimane dall'inizio dei Mondiali in Qatar, le dichiarazioni di Khalid Salman, ex calciatore e ambasciatore della manifestazione, scatenano le polemiche. Salman ha infatti definito l'omosessualità come "una malattia mentale". L'intervista è stata realizzata dalla tv tedesca Zdf e andrà in onda in uno speciale denominato "Il Qatar segreto". "Durante i mondiali di calcio arriveranno molte persone nel nostro Paese. Parliamo per esempio dei gay - ha detto Salman -. La cosa più importante è la seguente: accetteremo tutti coloro che verranno nel nostro Paese. Ma loro dovranno accettare le nostre regole. L'omosessualità è proibita, perché è una malattia mentale", ha aggiunto, prima di essere interrotto da un addetto stampa.

In Qatar l'omosessualità è vietata

L'omosessualità in Qatar è severamente vietata e può essere punita con sette anni di reclusione. L'emiro Al-Thani aveva dichiarato a fine settembre che tutti i membri della comunità LGBT saranno accolti "senza discriminazione" durante i Mondiali, mentre la Fifa, ha assicurato nelle scorse settimane che le bandiere arcobaleno, simbolo della comunità LGTB, saranno autorizzate nelle vicinanze degli stadi.

Brasile, Richarlison in lacrime per la convocazione al Mondiale
Guarda il video
Brasile, Richarlison in lacrime per la convocazione al Mondiale


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti