Lazio-Napoli, cori razzisti contro Koulibaly. E lui regala la maglia a un bambino

L'arbitro Irrati dopo i ripetuti 'buu' rivolti dalla Curva Nord laziale contro il giocatore azzurro ha deciso di sospendere la partita per un paio di minuti. Striscione a Castel Volturno
Lazio-Napoli 0-2: "buu" razzisti a Koulibaly, Irrati sospende il match
TagsSerie ALazionapoli

ROMA - La risposta di Kalidou Koulibaly ai razzisti è un gesto spontaneo, il più semplice: alla fine della partita nella quale è stato il bersaglio di cori e ululati da una parte dei tifosi della Lazio, si è avvicinato alla tribuna e ha regalato la sua maglia a un bambino. Una lezione di educazione e di civiltà che ha fatto subito il giro dei social network.

STRISCIONE A CASTEL VOLTURNO - Il difensore del Napoli durante la partita è stato vittima di cori razzisti che hanno accompagnato ogni suo intervento, ma non si è scomposto: dopo l'interruzione ordinata dall'arbitro Irrati, ha portato a termine la sfida, l'ha vinta contribuendo con una grande prestazione, e al fischio finale ha regalato la sua maglia a un bambino in tribuna. A Castel Volturno, nella notte, è stato anche affisso uno striscione: "Onore al tuo colore K2 Koulibaly vero lottatore". Lo hanno affisso all'esterno del centro tecnico del Napoli i tifosi azzurri del club Casal Di Principe. Per l'episodio dell'Olimpico, la Curva Nord della Lazio rischia la chiusura per il prossimo match interno contro il Verona.

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti