Corriere dello Sport

Serie A

Vedi Tutte
Serie A

Juventus-Roma 1-0: decide Benatia, che errore di Schick!

Juventus-Roma 1-0: decide Benatia, che errore di Schick!
© Juventus FC via Getty Images

I bianconeri vincono allo Stadium con una rete del difensore marocchino nel primo tempo. Traversa colpita da Florenzi e Pjanic, clamoroso errore in pieno recupero dell'attaccante ceco

Sullo stesso argomento

 Simone Zizzari

sabato 23 dicembre 2017 22:43

ROMA - Una zampata dell'ex Benatia regala alla Juventus tre punti fondamentali nella corsa scudetto riportando i bianconeri ad un solo punto dal Napoli capolista. La Roma (quarta in classifica a sette punti dalla vetta) si piega con onore allo Stadium. Ancora una volta i giallorossi pagano il conto alla sfortuna con un altro legno centrato, il 17° di una stagione maledetta, e soprattutto sprecando in pieno recupero un'occasione incredibile con Schick. I padroni di casa, con Dybala in panchina per tutta la partita, hanno vinto la partita grazie ad una migliore organizzazione e alle solite fiammate in ripartenza diventate ormai un marchio di fabbrica in casa Allegri

DYBALA NON C'E' - La notizia che scuote la vigilia del match è la terza panchina consecutiva in campionato per Dybala dopo Inter e Bologna: Allegri gli preferisce Mandzukic al fianco di Cuadrado in appoggio ad Higuain. A centrocampo ci sono Khedira, Matuidi e l'ex giallorosso Pjanic con Douglas Costa fuori dai titolari. In porta c'è Szczesny. La Roma invece torna a giocare con i titolari dopo la debacle in Coppa Italia: lì in avanti ci sono Perotti-Dzeko-El Shaarawy

PRIMO TEMPO - Al 5' Chiellini perde un pallone sulla destra e permette ad El Shaarawy una veloce ripartenza: il cross al centro dell'attaccante romanista è buono ma Benatia anticipa di un nulla Dzeko, pronto a ribadire in gol. Sulla ripartenza è la Juve a sfiorare il vantaggio con Khedira che schiaccia troppo la conclusione in diagonale. Passano tre minuti e Mandzukic di testa da ottima posizione colpisce a lato non sfruttando l'ottima imbeccata di Matuidi. La risposta romanista arriva su un pretenzioso tentativo di Florenzi che da posizione molto defilata cerca un complicato tiro al volo anzichè servire al centro El Shaarawy, dimenticato da Chiellini. I ritmi sono elevati e il primo quarto d'ora scorre via in sostanziale equilibrio. Higuain si accende al 17' quando prima di testa e poi in allungo mette i brividi ad Alisson. Le due fiammate del Pipita sono l'antipasto del vantaggio juventino che arriverà da lì ad un minuto.

GOL DI BENATIA - Da un angolo battuto da Pjanic Chiellini esalta i riflessi di Alisson che poi si trasforma in Superman alzando sulla traversa il pallone ribattuto da Benatia. Il portiere brasiliano deve arrendersi poi sulla nuova zampata del marocchino che sotto misura infila il vantaggio dei padroni di casa al 18'. Il gol subìto inquieta gli animi ospiti che rischiano di subire il raddoppio su un'ingenuità Fazio-Alisson che per poco e non libera Higuain al tiro. Nell'occasione sono vivaci le proteste dei padroni di casa per un contatto fra il portiere e l'argentino in piena area di rigore. Al 27' è la Roma a sfiorare il pareggio su un tocco sotto misura di El Shaarawy che esalta i riflessi di Szczesny. Il vantaggio permette alla Juve di gestire con serenità il gioco, arretrando il proprio baricentro e lasciando agli avversari il possesso palla per poi tentare di sorprenderli con veloci ripartenze. La strategia riesce perfettamente perché alla Roma non resta che un possesso di palla sterile, senza guizzi grazie soprattutto alla perfetta copertura bianconera degli spazi

RIPRESA, PIU' JUVE - La ripresa comincia senza cambi e con uno spartito diverso che ricalca l'inizio del match: la Juve è feroce e pressa altissimo, la Roma è alle corde. Higuain e Mandzukic cercano di uccidere la sfida ma Manolas prima e un attento Alisson poi lasciano tutto in discussione. Il possesso palla della Roma è più isterico rispetto al primo tempo con Perotti e Strootman in evidente difficoltà. Le gambe degli uomini di Di Francesco non girano fisiologicamente come nel primo tempo e gli spazi per le ripartenze della Juve aumentano esponenzialmente insieme alle occasioni da gol. Higuain si divora il raddoppio al 55' calciando alto davanti ad Alisson dopo uno splendido assist di Khedira. Poco dopo è Cuadrado a far confusione su un cross di Matuidi che poteva essere sfruttato meglio. La Roma, sempre più in affanno, si regge sulla pericolosità di Florenzi e Kolarov, bravi nel trovare cross interessanti sui quali però l'abulico Dzeko arriva costantemente in ritardo. Di Francesco prova a scuotere la squadra inserendo Schick e Pellegrini per El Shaarawy e Strootman. Matuidi, Pjanic e Higuain hanno altre occasioni per chiudere la pratica ma peccano di precisione. La partita è confusa ma anche più divertente. Al 72' Dzeko si ritrova per due volte la palla del potenziale pareggio ma le spreca entrambe concludendo male e alto. Nell'ultimo quarto del match arrivano anche i cambi di Allegri con Bernardeschi e Marchisio per Cuadrado e  Matuidi

JUVENTUS-ROMA: TUTTE LE STATISTICHE DEL MATCH

ROMA, L'ENNESIMO LEGNO - La più grande occasione della Roma arriva però all'80' con Florenzi che crede fino in fondo ad un tiro cross di De Rossi e calcia a colpo sicuro colpendo un'incredibile traversa. E' il 17° palo stagionale giallorosso (il 14° in campionato). Una vera e propria maledizione, ormai. La grande chance scuote la Roma che ritrova le energie necessarie per l'assalto finale che fa scricchiolare le certezze difensive juventine. Di Francesco inserisce nella mischia anche Ünder che si vede solo per un grossolano errore sotto porta su assist di Dzeko.

CHE FINALE! - I minuti finali sono pazzeschi: prima Pjanic colpisce la traversa su una conclusione potentissima deviata da Alisson, poi Schick si divora l'occasione più clamorosa della partita in pieno recupero. Il ceco se ne va da solo verso Szczesny sfruttando un errore di Benatia ma tira incredibilmente addosso al portiere sprecando il pari in modo grossolano. Un errore imperdonabile che condanna la Roma ad una sconfitta che lascia molto amaro in bocca. 

Articoli correlati

Commenti