Inter-Milan, Mazzola: «Oggi il derby è solo dei tifosi» 
© Inter via Getty Images
Serie A
0

Inter-Milan, Mazzola: «Oggi il derby è solo dei tifosi» 

Il fascino della stracittadina si rinnova soprattutto attraverso la leggenda nerazzurra. Che tra Rivera e Picchi, Gattuso e Spalletti, si concede una considerazione amara

ROMA - Da trent’anni e passa non c’è derby di Milano senza un’intervista a Mazzola (o a Rivera). Da venti non c’è Juve-Inter senza un’intervista a Gigi Simoni. Da dodici non c’è Mondiale senza un’intervista a Marcello Lippi. E allora noi, fedeli alla tradizione e originali come non mai, a poche ore da Inter-Milan ci risistemiamo il Baffo. Anche per il piacere di riscoprire la sua forte vena di ironia improntata a un’amarezza di fondo. Sandro Mazzola è la storia del calcio e tante storie di calcio, talvolta dolcemente imprecise, un uomo-leggenda che ho avuto la fortuna di frequentare ogni giorno per oltre un mese nel 2010, a Johannesburg, durante il Mondiale. In quella specie di resort-lager recintato col filo spinato nel quale avevano recluso i giornalisti italiani i suoi racconti vintage e i suoi ritratti a memoria alleviarono l’inevitabile prigionia della noia.

Sandro, a 76 anni si sogna ancora?

«A quanti anni, hai detto?»

Settantacinque e undici mesi.

«Quanti?»

D’accordo, a quaranta si sogna ancora?

«Lascia stare, proprio oggi: è da quando mi sono svegliato che cerco di ricordare il sogno che stavo facendo. Dico sul serio. Era una partita, la stavo giocando e il sogno si è interrotto bruscamente forse perché avevo sbagliato qualcosa, non ricordo se un passaggio o un gol, o non so cos’altro».

Leggi l'intervista completa sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Vedi tutte le news di Serie A

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta