Benevento-Roma 0-0: Glik espulso, Inzaghi ferma Fonseca

El Shaarawy è il più pericoloso nel finale (si guadagna un rigore per fallo di Foulon, ma il Var cancella tutto per un fuorigioco di Pellegrini), ma non basta. Resta un pari che tiene per ora i giallorossi al terzo posto
Benevento-Roma 0-0: Glik espulso, Inzaghi ferma Fonseca© LAPRESSE
TagsBeneventoRomaSerie A

BENEVENTO - Spenta, imprecisa, con poche idee. La Roma si ferma a Benevento nonostante l'ultima mezzora in superiorità numerica (espulso Glik). Neanche l'inserimento di Dzeko al fianco di Borja Mayoral riesce a scardinare la difesa di Inzaghi, che vince la sfida tattica contro Fonseca. Senza Smalling, Ibanez, Kumbulla e Cristante, il tecnico portoghese rilancia Fazio nella difesa a tre, per poi cambiare con la linea a quattro nella ripresa. El Shaarawy è il più pericoloso nel finale (si guadagna un rigore per fallo di Foulon, ma il Var cancella tutto per un fuorigioco di Pellegrini), ma non basta. Resta uno 0-0 che tiene per ora i giallorossi al terzo posto in attesa di una settimana impegnativa con l'impegno europeo con il Braga e, soprattutto, la sfida di domenica contro il Milan.

Il Benevento resiste in dieci, la Roma non sfonda: finisce 0-0
Guarda la gallery
Il Benevento resiste in dieci, la Roma non sfonda: finisce 0-0

Pellegrini ci prova, Montipò è attento

Fonseca schiera Fazio e Spinazzola ai fianchi di Mancini, con Karsdorp e Bruno Peres sugli esterni e la coppia formata da Pellegrini e Mkhitaryan a supporto di Borja Mayoral. Dall'altra parte, Inzaghi punta su Ionita, Caprari e Lapadula in avanti. La Roma prende subito in mano il gioco, con un possesso palla prolungato fino alla trequarti. La manovra, però, è troppo lenta per mettere in difficoltà il Benevento. La squadra di Inzaghi è corta e stretta, toglie tutti gli spazi e tenta qualche contropiede lanciando lungo per Lapadula. Al 34' Pellegrini ruba palla sulla trequarti e da fuori area impegna Montipò con una conclusione rasoterra. E' l'occasione più importante per la Roma, che fatica a trovare sbocchi in attacco.  Borja Mayoral è troppo isolato, Mkhitaryan entra poco nel gioco e sugli esterni Bruno Peres e Karsdorp sono troppo timidi. Il Benevento è perfetto nella fase difensiva e nel finale di tempo ci prova con un paio di spunti di Lapadula.

Caldirola salva su Pellegrini

La ripresa continua sullo stesso ritmo, con la Roma che comanda il gioco senza riuscire a costruire occasioni da gol. L'equilibrio, però, si rompe al 12' quando Glik entra in ritardo su Mkhitaryan. Pairetto tira fuori il secondo cartellino giallo per il difensore polacco, che lascia il Benevento in dieci. Fonseca cambi subito inserendo Dzeko al posto di Veretout. Inzaghi risponde con Caldirola per Viola. Entrano anche Insigne per Caprari, Pedro e Juan Jesus al posto di Karsdorp e Fazio. La Roma, schierata con una sorta di 4-2-4, prova l'ultimo assalto. Entra anche El Shaarawy per Mkhitaryan. Nel finale Pellegrini ha l'occasione giusta, ma Caldirola respinge quasi sulla linea. Poi l'episodio in area campana con il rigore assegnato da Pairetto (fallo di Foulon su El Shaarawy) e tolto dal Var (fuorigioco di Pellegrini).

BENEVENTO-ROMA, TABELLINO E STATISTICHE

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti