Parma-Inter 1-2: commento al risultato della partita

Una doppietta di Sanchez nella ripresa lancia Conte in fuga a +6 sul Milan e +10 sulla Juve
Parma-Inter 1-2: commento al risultato della partita© LAPRESSE
Valerio Minutiello
TagsParma-InterparmaInter

Inter in fuga. Nei giorni di Sanremo, Conte le canta a tutti: 2-1 in casa del Parma e primo vero allungo in classifica. Se Ibrahimovic è sul palco dell'Ariston il tecnico dell'Inter è su quello della Serie A, e non può più nascondersi. A +6 sul Milan e +10 sulla Juve (che deve recuperare la sfida con il Napoli) i riflettori sono tutti puntati su di lui. L'Inter ora è la grande favorita per lo scudetto e solo Conte può perderlo. Al Tardini la pratica è stata liquidata con una doppietta nella ripresa di Sanchez, titolare al posto di Lautaro. Nel tabellino ci sono anche i due assist preziosi di Lukaku, salito a quota otto, un record. Il Parma non ha giocato male, ma resta a mani vuote. La squadra di D'Aversa non conquista una vittoria da novembre, sono sedici partite, ma questa sera si sarebbe accontentata anche di un pareggio. L'Inter invece si è presa tutta la posta, e la festa è solo per Conte. Stasera non era un match point, ma un bivio importante del campionato.

Show di Sanchez: l'Inter batte il Parma e va in fuga
Guarda la gallery
Show di Sanchez: l'Inter batte il Parma e va in fuga

Handanovic e Sepe, che parate! Due occasioni per Lukaku

Il Parma affronta l’Inter a viso aperto, senza paura. Il risultato è una gara piacevole, con tante occasioni. E se il primo tempo finisce senza gol il merito è anche di Sepe e Handanovic, protagonisti con grandi parate. La prima prodezza è del portiere e capitano dell’Inter, che al 15’ salva su colpo di testa da ottima posizione di Kurtic. La squadra di D’Aversa è ben messa in campo e anche se i nerazzurri giocano a un ritmo alto hanno difficoltà a trovare sbocchi. Al 31’ Hakimi sfonda sulla destra e mette al centro un pallone velenoso, su cui Eriksen arriva leggermente in anticipo. Due minuti dopo Sepe salva con un grande riflesso su Perisic da distanza ravvicinata. Sanchez ingrana lentamente, e Lukaku è ben controllato: il belga ci prova in un paio di occasioni, di sinistro e di testa, ma non inquadra la porta. Il Parma è compatto e attentissimo.

Uno-due Sanchez in avvio, poi Hernani

Conte capisce che serve qualcosa di più per sbloccare la partita. In avvio di ripresa l'Inter è più aggressiva e alza il pressing. Il lavoro paga, perché al 54' Sanchez sfrutta un pallone sporcato da Lukaku per battere Sepe. Gagliolo era quasi riuscito a salvare sulla linea, ma l'orologio dell'arbitro dice che è dentro grazie alla goal line technology. Diventa tutto più facile per l'Inter, che al 61' trova il raddoppio: Lukaku parte come un treno in contropiede e serve a Sanchez un pallone da spingere in rete. Il cileno ripaga Conte della fiducia con una doppietta che lancia l'Inter in fuga. Il Parma però non molla e al 71' riesce a riaprire la gara con Hernani su Cross di Pezzella. La squadra di D'Aversa non vuole arrendersi e fa soffrire i nerazzurri. All'84' arriva anche l'esordio di Pellè con il Parma. L'Inter si difende e riparte: Lukaku ha un'altra chance per chiuderla, ma il risultato non cambia più.

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti