Gotti rivela: "Sarri? Lo vedo alla Roma"

L'allenatore dell'Udinese: "Anche un certo tipo di giocatori nella rosa giallorossa sarebbero particolarmente funzionali alle sue idee"
Gotti rivela: "Sarri? Lo vedo alla Roma"© Getty Images

ROMA - "A istinto mi verrebbe da dire che Roma è una piazza che si sposa molto bene con le caratteristiche di Maurizio Sarri. E anche un certo tipo di giocatori che ha la Roma in rosa sarebbero particolarmente funzionali alle sue idee". Luca Gotti, allenatore dell'Udinese, che conosce molto bene Sarri, risponde così a "Tiki Taka" alla domanda sul possibile ritorno su una panchina dell'ex allenatore della Juventus il prossimo anno. Poi il 53enne di Adria continua: "Maurizio è una persona diretta che ti dice le cose come stanno. Al Chelsea voleva portare il suo secondo che però in quel momento era all'Inter e allora scelse me. Ma mi disse che se fosse tornato in Italia avrebbe scelto il suo viceallenatore, così come poi è successo. Mi sarebbe piaciuto fare quell'esperienza insieme a lui in un club come la Juve ma ho capito perfettamente la situazione".

Il ruolo di allenatore

Gotti analizza anche le difficoltà del ruolo di primo allenatore che ora ricopre: "Da primo allenatore vedi le tue idee realizzarsi sul campo, ma la qualità della vita è inferiore rispetto a quella da vice. Ci sono dei pro e contro che riguardano sia l'aspetto professionale sia la qualità della vita. Ho fatto per dieci anni il primo allenatore, poi ho intrapreso il percorso del vice che è un altro lavoro e ero arrivato alla consapevolezza che avrei fatto quel tipo di mestiere perché mi piaceva e mi permetteva una vita fuori dal campo assolutamente normale. Tornare a primo allenatore, da una parte ti da' soddisfazioni perche' vedi le tue idee realizzarsi sul campo, ma dall'altra parte la qualità della vita è inferiore".

Su Pirlo

"Io probabilmente non avrei accettato perche' ho il mio carattere ma penso che Pirlo abbia fatto bene. Non si puo' dire di no a una proposta di quel tipo, soprattutto dopo il percorso che ha fatto da calciatore in quella societa' e con questa proprietà", spiega Gotti che sul lavoro del campione del mondo nel 2006 dice: "Non ho visto tutte le partite della Juventus, solo le 4-5 gare che precedevano la nostra sfida contro di loro. Non ho seguito l'evoluzione di tutto il loro campionato, pero' mi sembra abbiano modificato il tipo di costruzione e il baricentro della squadra".

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti