Torino-Juve 2-2: commento al risultato partita

Apre Chiesa, ribalta tutto Sanabria con una doppietta, Ronaldo salva Pirlo ma non evita l'aggancio del Napoli: mercoledì il recupero di campionato che sa di spareggio
Torino-Juve 2-2: commento al risultato partita© Juventus FC via Getty Images
Vladimiro Cotugno
Tagspirlonicoladerby

TORINO - Un gol di Ronaldo, ancora lui, a salvare una Juve disattenta da una sconfitta nel derby che sarebbe stata la seconda consecutiva in campionato e contro una squadra che lotta per salvarsi. Pirlo annaspa e con lui la sua idea di Juventus, che sbaglia molto e regala al Torino il gol del 2-1 dopo i gol di Chiesa e Sanabria nel primo tempo. Proprio il paraguaiano approfitta dell'errore di Kulusevski ad inizio ripresa e fa sognare il colpaccio ai granata, prima che CR7 a una manciata di minuti dal termine rimetta il risultato in parità. Il punto serve più a Nicola e alla sua corsa salvezza che ai bianconeri, raggiunti dal Napoli al quarto posto e tecnicamente scavalcati, visto il vantaggio attuale degli azzurri negli scontri diretti dopo la vittoria del ritorno, giocato prima dell'andata ancora da recuperare. In sintesi, al momento, fotografando la classifica, la Juventus sarebbe fuori dalla prossima Champions League.

Torino-Juve: Pirlo bersaglio dell'ironia social
Guarda la gallery
Torino-Juve: Pirlo bersaglio dell'ironia social

La sblocca Chiesa, pari Sanabria, Sirigu attento

Nicola a trazione anteriore: Verdi con Belotti e Sanabria dal 1', Ansaldi e Vojvoda a spingere sulle fasce. Juve in totale emergenza: il Covid tiene fuori Bonucci e Demiral, assenti anche McKennie, Arthur e Dybala per motivi che esulano dal campo, Pirlo rilancia Danilo a centrocampo con Bentancur e si affida a Ronaldo, che continua il suo tour de force dopo le gare con il Portogallo. È subito Juve, gran combinazione Chiesa-Morata e Sirigu subito impegnato severamente, poi è Cristiano Ronaldo che regala due palloni ottimi a Chiesa, il primo sprecato alto e il secondo che trova ancora Sirigu. Risponde il Torino, Ansaldi è scatenato sulla sinistra e scarica per Mandragora, conclusione di pochissimo a lato con Szczesny battuto, poi proteste granata per un'entrata di De Ligt su Belotti in area, le immagini mostrano il centravanti di Nicola che liscia il pallone e poi l'olandese che colpisce l'avversario, si gioca. Al 13' la sblocca Chiesa dal nulla: azione che parte dalla fascia, il numero 22 cerca e trova lo scambio con Morata e si incunea in area, resiste al ritorno di Mandragora e di sinistro mette l'1-0 sotto le gambe di Sirigu. Reazione Torino che arriva sempre dalla sinistra, dove Ansaldi è spina nel fianco dei bianconeri: cross sporcato in area, Rincon ha sul sinistro il pareggio ma tira addosso ad Alex Sandro al 22'. Il pari comunque è solo rimandato di qualche minuto, è il 27' quando Mandragora ci riprova con un rasoterra potente, Szczesny ci mette il braccio con un intervento non irresistibile, la palla si impenna centralmente davanti alla porta e Sanabria è rapidissimo a infilare di testa l'1-1.

Entrata di De Ligt su Belotti: niente rigore e Torino furioso
Guarda la gallery
Entrata di De Ligt su Belotti: niente rigore e Torino furioso

Juve, ma Pirlo che vuole da Kulusevski?

Derby di nuovo in equilibrio, resta tale fino all'intervallo: nel mezzo una botta di Cristiano Ronaldo da fuori respinta da Bremer che si immola in senso letterale, il giallo di Ansaldi che ferma un Cuadrado in contropiede, Sirigu che si oppone al colpo di testa di Morata e l'ultimo tentativo di Chiesa al volo che finisce a lato. Intensità e idee chiare il Torino, più qualità e occasioni ma meno determinazione per la Juve, con un'unica grande incognita, quel Kulusevski completamente avulso dal gioco e dalla squadra: Alex Sandro e Chiesa sulla sinistra combinano tanto e bene, Cuadrado e lo svedese si ignorano sia davanti che in ripiegamento.

Ancora Sanabria, sbagliano Kulusevski e Szczesny. Ma il problema è...

Si riparte senza cambi e con il Torino che si porta in vantaggio sfruttando quello che ormai è un'evidente errore di manovra bianconero, il retropassaggio difensivo dalle fasce al centro della difesa: era successo a Arthur contro il Benevento con il pallone regalato a Gaich, succede oggi a Kulusevski che consegna palla a Sanabria. Il centravanti del Toro entra in area e scarica il sinistro, Szczesny completa la frittata con un posizionamento completamente sbagliato e un tuffo lento sul suo palo.

Torino-Juve 2-2: Sanabria non basta, Ronaldo rimonta
Guarda la gallery
Torino-Juve 2-2: Sanabria non basta, Ronaldo rimonta

Assalto Juve, Ronaldo fa 2-2 all'80', Bentancur trova Sirigu e palo

Due tiri e due gol per i granata che ringraziano e si posizionano a difendere un 2-1 inatteso: Chiesa da fuori con un tiro deviato sfiora subito il pari, poi lampo Kulusevski, cross pennellato per Cristiano Ronaldo che vola di testa, Sirigu sembra Buffon e gli toglie il 2-2 da sotto la traversa. Si gioca quasi a una porta ma non c'è lucidità né strategia nella squadra di Pirlo che vede il derby allontanarsi minuto dopo minuto, dentro le carte nuove Ramsey e Bernardeschi da una parte e Lukic e Zaza dall'altra, Buongiorno salva su Cuadrado in area e Izzo su Ronaldo, mancano una manciata di minuti e la squadra di Nicola finisce sfiancata e colpita, è CR7 a infilare di testa sottoporta il 24° centro in campionato con il Var che controlla la posizione del portoghese e poi concede il pari, granata alle corde ma Sirigu è un muro che tocca sul palo la fucilata di Bentancur dal limite e blocca a terra ancora un tentativo del numero 7 bianconero. Lukic impegna Szczesny in una fiammata del Torino, finale incandescente con Sanabria che di testa colpisce la traversa sfiorando la clamorosa tripletta e Szczesny che toglie dal sette l'ultimo tentativo su punizione di Baselli.

Serie A, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti