Serie A, Abodi: "Spero che prossima stagione sia solo di calcio"

Il ministro per lo Sport e i Giovani: "Mi auguro ci siano passioni, presenza di pubblico e successi anche a livello internazionale"
Serie A, Abodi: "Spero che prossima stagione sia solo di calcio"© ANSA
3 min

ROMA - Il ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi ha rilasciato un'intervista a Gli Inascoltabili su New Sound Level fm90, entrando al Castello di Santa Severa per l'evento 'In ascolto per lo Sport' organizzato dalla Regione Lazio. Prima di tutto ha parlato di quanto sia importante per la politica ascoltare il mondo dello sport prima di mettere mano alle normative: "Ne abbiamo bisogno tutti, l'ascolto penso che sia la prima pratica che consente comunque di comprendere e contestualizzare le situazioni, le valutazioni, le decisioni che si assumono. Vale per la politica e per le istituzioni ascoltare lo sport, e devo dire anche viceversa, perché anche lo sport può comprendere qualcosa dal confronto con la politica. Quello che dovremmo adottare è un vocabolario comune - perché è importante che diamo lo stesso significato alle parole - e anche una metodologia di lavoro e di collaborazione comune. È un po' il senso di questa giornata, appunto di ascolto reciproco, che consentirà di elaborare un modello di collaborazione tra le istituzioni che poi determinerà, mi auguro, i benefici per i cittadini e per le comunità".

Abodi sulla prossima Serie A

In riferimento al futuro dello sport italiano, dallo sport di base fino a quello di alto livello, Abodi ha auspicato: "Lo sport di vertice mi sembra che sia vincente a tal punto che ci si domanda come facciano a uscire sempre questi talenti. Evidentemente, nel nostro DNA c'è qualcosa di più di quanto noi possiamo immaginare, così come c'è talento negli istruttori, nei maestri, diciamo così, negli allenatori, che riescono a estrarre questo talento. Quello che dobbiamo cercare di fare sempre di più è sintonizzare queste eccellenze di vertice con le attività di base. A partire dalla scuola, perché lì ancora si manifestano delle distanze siderali con modelli più evoluti a livello europeo". Sull'imminente sorteggio del calendario della prossima Serie A: "Che sia una stagione di solo calcio, calcio buono, di passioni, di presenza di pubblico, che il calcio si deve meritare, di successi anche a livello internazionale perché io l'ho detto che a volte diamo un giudizio negativo al fatto che si arrivi in finale e non si vincano le coppe dimenticandoci che essere arrivati in finale è già un risultato degno di essere sottolineato e che quello che è successo fuori dal campo venga preso ad esempio per ciò che non si deve più fare, un'esperienza per cercare di migliorare i comportamenti soprattutto quelli gestionali di tutti indistintamente".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A, i migliori video

Commenti