Benevento, soluzione Inzaghi: spazio al doppio play

Contro la Sampdoria il tecnico giallorosso vuole tornare all'antico: Schiattarella a Viola insieme
Benevento, soluzione Inzaghi: spazio al doppio play
TagsBeneventoInzaghischiattarella

BENEVENTO - Ci sono momenti di una stagione che costituiscono autentici spartiacque. E non necessariamente devono coincidere con il giro di boa tra l'andata e il ritorno. Il Benevento dice di aver spostato quel momento di sette giorni, ha resettato tutto dopo la batosta di San Siro e attende il lunch match di domenica con la Samp come l'inizio di un nuovo ciclo di partite che si spera possano ridare linfa vitale ad una squadra che vuole ritrovare le sue certezze. Inzaghi sa bene dove cercarle: innanzitutto in quegli elementi che stanno lasciando finalmente l'infermeria e dovranno far rifiorire un organico che ha sofferto troppe defezioni in questi ultimi tempi. Poi in un mercato mirato che gli ha regalato due giocatori importanti (Depaoli e Gaich) che hanno caratteristiche differenti da quelli che già c'erano.

Lautaro ritrova il gol, Lukaku fa doppietta: poker dell'Inter al Benevento
Guarda la gallery
Lautaro ritrova il gol, Lukaku fa doppietta: poker dell'Inter al Benevento

Il motore

Tutto riparte dal fulcro centrale, dalla cabina di regia della Strega. Dopo la disavventura del Covid, il tecnico ha di nuovo disponibile Pasquale Schiattarella. Il mediano di Mugnano è probabilmente l'unico giocatore che non può essere clonato nell'ambito dell'organico giallorosso. E' come l'antenna per un appaecchio Tv, il maestro di musica che non consente stonature ai suoi orchestrali. Un metronomo in grado di decidere quando è il caso di pigiare il piede sull'acceleratore e quando frenare.

Il rientro di Schiattarella non dovrà però essere per forza a scapito di Nicolas Viola che lo ha sostituito nelle ultime due giornate. Inzaghi ha tenuto a sottolineare che lui reputa il mancino calabrese una mezzala “tout court”, capace di far partire l'azione da dietro, ma anche di proiettarsi fino al limite dell'area avversaria per un assist o per una conclusione. Dovessero giocare insieme, formerebbero una sorta di doppio play, con compiti e caratteristiche differenti. Una formula che ha sbancato la serie B lo scorso anno, con Schiatatrella vertice basso davanti alla difesa e Viola a fare da “trait d'union” tra il centrocampo e l'attacco [...]

Leggi l'articolo completo sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti