Mihajlovic, un'altra battaglia per il Guerriero

Mihajlovic, un'altra battaglia per il Guerriero
2 min
Ivan Zazzaroni

Il Guerriero oggi parlerà. Spiegherà. Vuole farlo personalmente, e non ci chiederà di immergerci nel suo stato d’animo. Solo contro tutto, perché lui guarda sempre negli occhi la realtà. Anche la più dura. 

Il Guerriero ha attraversato due guerre e non ha paura di niente e nessuno. Lo ripete tutte le volte che si presenta in uno spogliatoio nuovo, a gente che dovrà seguirlo giorno dopo giorno dando sempre il massimo e che rischia addirittura di prenderle se non lo farà.

Il Guerriero comunicherà che si ferma per qualche giorno, giusto il tempo di superare lo scoglio e vincere rapidamente un’altra battaglia. Che non è una guerra.

La febbre, l’assenza, gli accertamenti, i silenzi, le mezze parole, le ansie di chi vuole bene al Guerriero: decine di chiamate, ieri pomeriggio, al suo cellulare, a quello di Arianna, la moglie, agli amici. Perché il Guerriero è molto amato.

Dopo un autentico miracolo sportivo come quello che il Guerriero ha appena compiuto a Bologna trasformando un vuoto in un pieno, un’ipotesi di gruppo in una squadra, è arrivata la botta, perché al Guerriero la vita non ha mai regalato nulla: i successi e le soddisfazioni se li è dovuti meritare. Sempre.

Credere che esiste un ponte da dove sei a dove vuoi andare è il 99% della battaglia. L’altro 1% è attraversarlo”. Nel momento in cui lo diceva, Richie Norton stava forse pensando a Sinisa il Guerriero.

Mihajlovic si deve fermare: il Bologna in ansia

 


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Bologna, i migliori video

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti