Calciomercato Cagliari, Ladinetti rinnova fino al 2024

Ufficiale il prolungamento del mediano classe 2000, ora in prestito all'Olbia
Calciomercato Cagliari, Ladinetti rinnova fino al 2024

CAGLIARI - Nonostante una salvezza ancora da conquistare il Cagliari pensa anche al futuro. E lo fa attraverso il rinnovo di Riccardo Ladinetti, centrocampista classe 2000 e prodotto della Primavera rossoblù che ha esordito lo scorso luglio in Serie A, prima di trasferirsi in prestito all'Olbia dove gioca tutt'ora in attesa del ritorno alla base. Per lui, ha reso noto la società di patron Giulini, un nuovo contratto fino al 30 giugno 2024.

Joao Pedro punisce ancora la Roma: Perez e Fazio non bastano
Guarda la gallery
Joao Pedro punisce ancora la Roma: Perez e Fazio non bastano

Rinnovo Ladinetti, la nota ufficiale del Cagliari

"Il Cagliari Calcio è lieto di comunicare che il calciatore Riccardo Ladinetti ha prolungato il suo rapporto contrattuale con il Club fino al 30 giugno 2024. Classe 2000, maturato nel Settore giovanile rossoblù (72 presenze e 10 gol nella Primavera), ha fatto il suo esordio in prima squadra lo scorso 18 luglio in Cagliari-Sassuolo 1-1, per poi trasferirsi in prestito all’Olbia all'inizio di questa stagione. Impiegato sia da regista che da mezzala, in Gallura sta vivendo da protagonista il suo primo campionato giocato interamente tra i professionisti: con la maglia dei bianchi ha sinora collezionato 29 gare (di cui 27 da titolare) e 2 reti, artefice di prestazioni che hanno confermato tutte le sue qualità. Tecnica, visione di gioco e leadership, Ladinetti è cresciuto anche a livello fisico: un centrocampista duttile, capace di fornire il suo contributo sia nello sviluppo della manovra che in fase di interdizione. Il futuro è tuo: continua così, Riccardo!".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti