Pellissier: «La mia carriera è stata un'impresa»

L'attaccante del Chievo Verona si appresta a dare l'addio al calcio giocato: «Dopo una retrocessione del genere e la necessità di ripartire con un nuovo progetto, ho pensato fosse giusto farmi da parte e magari continuare a dare il mio contributo in altri ruoli»
Pellissier: «La mia carriera è stata un'impresa»© Getty Images

ROMA - Sergio Pellissier saluta il Chievo Verona, la Serie A e il calcio giocato. Contro il Frosinone, l'attaccante giocherà la sua ultima partita da calciatore e in diretta a Radio Crc ha dichiarato: "Ho quasi appeso le scarpette al chiodo. Manca ancora un'ultima partita e quindi giocherò l'ultima gara della mia carriera".

Pellissier, un addio da brividi al Bentegodi
Guarda la gallery
Pellissier, un addio da brividi al Bentegodi

NIENTE RINNOVO - "Il mio presidente - prosegue Pellissier - mi ha permesso di decidere quando smettere perché lui mi ha sempre detto che mi avrebbe rinnovato il contratto. Poi però, dopo una retrocessione del genere e la necessità di ripartire con un nuovo progetto, ho pensato fosse giusto farmi da parte e magari continuare a dare il mio contributo in altri ruoli".

BANDIERA - Il simbolo del Chievo Verona continua: "E' vero, ho segnato tanti gol, alcuni pesano più di altri e forse il gol più importante l'ho segnato in Nazionale, diciamo che è stata la ciliegina sulla torta. Non sono un fenomeno, ma mi sono sempre impegnato tanto e negli anni sono cresciuto e migliorato e non è detto che se avessi giocato in una grande squadra avrei giocato fino a 40 anni, magari in un altro club avrei smesso prima. Invece, al Chievo ho disputato una bella carriera, diciamo che la mia carriera è stata un'impresa. Non posso recriminare nulla, sono contento di aver giocato al Chievo che col suo presidente mi ha dato tanto". 

PELLISSIER, CHE OVAZIONE AL BENTEGODI

GUARDARE ALL'ESTERO - "Dobbiamo imparare tanto dal calcio estero perché anche le piccole dovrebbero poter ambire allo scudetto e se ci fosse più equilibrio sarebbe certamente più bello. Il calcio italiano deve tornare ad essere quello di una volta, adesso lo stanno un po' pilotando e questo non è giusto perché non è questo il calcio che vogliono gli sportivi. Adesso voglio godermi l'ultima partita della mia carriera e poi penserò al mio futuro", conclude Pellissier. 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti