Pellissier: «La mia carriera è stata un'impresa»

L'attaccante del Chievo Verona si appresta a dare l'addio al calcio giocato: «Dopo una retrocessione del genere e la necessità di ripartire con un nuovo progetto, ho pensato fosse giusto farmi da parte e magari continuare a dare il mio contributo in altri ruoli»
Pellissier: «La mia carriera è stata un'impresa»© Getty Images
7 min

ROMA - Sergio Pellissier saluta il Chievo Verona, la Serie A e il calcio giocato. Contro il Frosinone, l'attaccante giocherà la sua ultima partita da calciatore e in diretta a Radio Crc ha dichiarato: "Ho quasi appeso le scarpette al chiodo. Manca ancora un'ultima partita e quindi giocherò l'ultima gara della mia carriera".

Pellissier, un addio da brividi al Bentegodi
Guarda la gallery
Pellissier, un addio da brividi al Bentegodi

NIENTE RINNOVO - "Il mio presidente - prosegue Pellissier - mi ha permesso di decidere quando smettere perché lui mi ha sempre detto che mi avrebbe rinnovato il contratto. Poi però, dopo una retrocessione del genere e la necessità di ripartire con un nuovo progetto, ho pensato fosse giusto farmi da parte e magari continuare a dare il mio contributo in altri ruoli".

BANDIERA - Il simbolo del Chievo Verona continua: "E' vero, ho segnato tanti gol, alcuni pesano più di altri e forse il gol più importante l'ho segnato in Nazionale, diciamo che è stata la ciliegina sulla torta. Non sono un fenomeno, ma mi sono sempre impegnato tanto e negli anni sono cresciuto e migliorato e non è detto che se avessi giocato in una grande squadra avrei giocato fino a 40 anni, magari in un altro club avrei smesso prima. Invece, al Chievo ho disputato una bella carriera, diciamo che la mia carriera è stata un'impresa. Non posso recriminare nulla, sono contento di aver giocato al Chievo che col suo presidente mi ha dato tanto". 

PELLISSIER, CHE OVAZIONE AL BENTEGODI

GUARDARE ALL'ESTERO - "Dobbiamo imparare tanto dal calcio estero perché anche le piccole dovrebbero poter ambire allo scudetto e se ci fosse più equilibrio sarebbe certamente più bello. Il calcio italiano deve tornare ad essere quello di una volta, adesso lo stanno un po' pilotando e questo non è giusto perché non è questo il calcio che vogliono gli sportivi. Adesso voglio godermi l'ultima partita della mia carriera e poi penserò al mio futuro", conclude Pellissier. 

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti