Corriere dello Sport

Fiorentina

Vedi Tutte
Fiorentina

Serie A Fiorentina, «Protesta isolata non rappresenta la piazza»

Serie A Fiorentina, «Protesta isolata non rappresenta la piazza»
© LaPresse

Mencucci: «Pensiamo piuttosto ad accantonare questo ko senza far drammi e a ripartire sulla scia di quanto fatto finora»

Sullo stesso argomento

 

domenica 10 gennaio 2016 19:29

FIRENZE - La sconfitta con la Lazio oltre a spazzar via il sogno della Fiorentina di laurearsi campione d'inverno (titolo virtuale andato al Napoli) ha portato a galla tensioni dentro e fuori dal club. Lo dimostrano il commento duro pronunciato a fine gara da Diego Della Valle ("non siamo contenti"), i cori rivolti ad Andrea Della Valle da un gruppetto di sostenitori che all'esterno dello stadio lo hanno sollecitato a spendere, le insistenti richieste di rinforzi da parte di Sousa che rischiano di acuire la distanza fra l'allenatore e la proprietà. Insomma, se da una parte la classifica dei viola resta più che positiva dall'altra non mancano motivi di riflessione. "Tutti vorremmo di più ma non c'è nulla da rimproverare a questa squadra e a questa dirigenza - ha dichiarato Sandro Mencucci, ex ad viola e attuale presidente della Fiorentina Women's FC - Una protesta isolata non rappresenta la piazza, pensiamo piuttosto ad accantonare questo ko senza far drammi e a ripartire sulla scia di quanto fatto finora. Abbiamo perso una partita, ma non la battaglia finale".

TIFOSI CON LA PROPRIETA' - Intanto il tifo organizzato ha voluto prendere le distanze dal dissenso manifestato verso Andrea Della Valle ribadendo però di aspettarsi dalla proprietà viola quei colpi di mercato ritenuti necessari per continuare a mantenere la squadra ai vertici: "Le contestazioni vere sono ben altre. Ieri si è trattato del dissenso di poche persone, quindi la proprietà non deve amareggiarsi, ma mettersi al lavoro - ha commentato Federico De Sinopoli, presidente dell'Atf (Associazione tifosi fiorentini) - Bisogna rinforzare la rosa e magari cercare di conoscere meglio una città sanguigna come lo è Firenze".

NERVOSISMO IN TRIBUNA - Al riguardo è intervenuto anche il presidente del Centro di coordinamento viola club Filippo Pucci: "Una decina di persone non rappresentano il pensiero dei 30.000 che erano allo stadio a sostenere la squadra. Premesso questo, esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Andrea Della Valle e al tempo stesso ricordiamo che tutti i tifosi viola si aspettano qualche acquisto, serve a questa Fiorentina ed a tranquillizzare Sousa. Certo - ha aggiunto Pucci - ieri sera eravamo tutti un pò nervosi per il risultato ma anche per certe situazioni accadute in tribuna, iniziando dalle esultanze ai gol laziali di alcuni rappresentanti della Commissione federale dell'Antidoping, presidente compreso, a quella del dirigente biancoceleste Tare".

Articoli correlati

Commenti