Fiorentina, Prandelli: "Ci mancano intensità e condizione"

Il tecnico viola dopo il ko con il Milan: "Nonostante i gol presi non abbiamo mollato, poi Donnarumma ha fatto due grandi salvataggi..."
Fiorentina, Prandelli: "Ci mancano intensità e condizione"© ANSA
TagsFiorentinaPrandelliMilan

MILANO - "Un episodio può togliere certezze, e in questo momento ne abbiamo poche, ma nel primo tempo avevamo avuto buone trame, ma non si può far tutto in dieci giorni. Dobbiamo migliorare nella riconquista palla e fare qualcosa di diverso in difesa". Così Cesare Prandelli, ai microfoni di DAZN, ha commentato la sconfitta della sua Fiorentina in casa del Milan. "C'è da dire che Donnarumma ha salvato due gol praticamente fatti, noi dobbiamo ripartire da lì: è normale che poi quando fai i cambi la squadra si esprime più sul singolo che sulla coralità. Nel momento in cui abbiamo preso gol è diventato tutto più difficile, ma non abbiamo mollato e siamo rimasti in partita, provando a riaprirla, mentre nel secondo tempo siamo stati troppo individualisti". Sui problemi in attacco: "Quando Callejon sarà in condizione avrà i tempi per andare in area di rigore, ma manca anche ferocia, oltre all'intensità e alla condizione che è indispensabile per fare un calcio propositivo. Ma la mia squadra ha una buona base aerobica. Maradona? Lo ricordo come un avversario correttissimo, non c'è mai stato un giocatore che abbia avuto problemi con lui. Ha fatto sognare generazioni di bambini, forse è stato l'unico a riuscire a far questo" ha concluso Prandelli.

Ibrahimovic sostiene i compagni, il Milan stende la Fiorentina 2-0
Guarda la gallery
Ibrahimovic sostiene i compagni, il Milan stende la Fiorentina 2-0

CorrieredelloSport.fun, gioca gratis, fai il tuo pronostico e vinci Buoni Amazon!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti