Thiago Motta: "Genoa, felice di essere tornato". E Milito lo carica

Il nuovo tecnico rossoblù: "Il Grifone è sempre stato nel mio destino". Il Principe: "E' l'uomo giusto, può fare davvero bene"
Thiago Motta: "Genoa, felice di essere tornato". E Milito lo carica© LAPRESSE
TagsSerie AGenoaThiago Motta

GENOVA - Non date i numeri, Thiago Motta è quello che il modulo sarà sempre il suo celebre 2-7-2 (ritiene il portiere un aggregato alla costruzione del gioco). Dalla rivoluzione alla realtà la traduzione simultanea è questa, scelgo prima i giocatori e poi lo schema di gioco è una diretta conseguenza. Ci perdoni, ma proviamo ad azzardare: se fosse 4-3-3 oppure 4-1-4-1? Almeno proviamo a scoprire che impronta sarà. C’è ancora qualche giorno prima del Brescia ma si lavora su questo doppio binario. La difesa a quattro non si toccherà mai, è una pietra fissa. È stata la sua prima giornata sulle ali del Grifone, già in mattinata nel centro sportivo di Pegli: dieci anni dopo ritorna in una struttura nuova e confortevole che si è appena rifatta il look. "Felice di essere tornato. Le cose sono cambiate - ha detto al suo ingresso a Villa Rostan - il Genoa è sempre stato nel mio destino". Lo ribadirà oggi pomeriggio durante la presentazione. E poi un abbraccio speciale con quei giocatori come Marchetti, Pandev e Criscito che erano stati compagni di avventura in Nazionale, all’Inter e ovviamente al Genoa. Poi nel pomeriggio allenamento a porte chiuse, vicino a lui Roberto Murgita, tecnico delle giovanili, che lo affiancherà non avendo Thiago Motta ancora il patentino. 

I nuovi arrivi della Serie A: ecco i difensori che giocano di più
Guarda la gallery
I nuovi arrivi della Serie A: ecco i difensori che giocano di più

La benedizione di Milito

Se lo dice anche Diego Milito è un deposito a Fort Knox da un miliardo di dollari e spiccioli, chi ama il Genoa non abbia dubbi: "Thiago Motta è la persona giusta". Timbrato e approvato, è un certificato di garanzia con durata decennale. Dall’Argentina risponde via WhatsApp in cinque secondi scarsi, è sempre il ‘Principe’ (del gol) anche nella cortesia. Accetta subito l’invito, lui e Thiago Motta sono anche quelli dello straordinario ‘Triplete’ nerazzurro e tanto altro ancora: quattro stagioni insieme (una al Genoa e tre all’Inter, dal 2008 al 2012), un centinaio di partite fianco a fianco e una gran bella amicizia: «Sono convinto che possa fare davvero bene - racconta l’ex bomber e oggi dirigente del Racing Club - ci sentiremo presto. Col Grifone potrà dimostrare tutto il suo valore anche come allenatore, dopo aver vinto tantissimo da calciatore. Ripeto, ho grande fiducia e gli auguro di cuore di riportare il Genoa in alto», racconta Milito.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULL'EDIZIONE ODIERNA DEL CORRIERE DELLO SPORT

Genoa, l'arrivo di Thiago Motta diventa ufficiale
Guarda il video
Genoa, l'arrivo di Thiago Motta diventa ufficiale

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti