Juve-Inter, Marotta: “Dal Pino? Proposta impraticabile e provocatoria”

L’ad nerazzurro replica alle parole del presidente della Lega di A: “Non l’abbiamo presa in considerazione per tre motivi specifici”
Juve-Inter, Marotta: “Dal Pino? Proposta impraticabile e provocatoria”© Inter via Getty Images

"Una proposta impraticabile e quasi provocatoria". Così l'ad dell'Inter, Beppe Marotta, interpellato dall'ANSA replica alle parole del presidente della Lega di A, Paolo Dal Pino, che aveva accusato il club nerazzurro di non aver voluto prendere in considerazione l'idea di giocare Juve-Inter lunedì a porte aperte, invece che domenica a porte chiuse. Il pubblico ammesso, sottolinea Marotta, sarebbe stato però "solo quello juventino" e giocare lunedì "sarebbe andato contro la logica della tutela della salute pubblica, presupponendo, di fatto, la scomparsa dell'allarme Coronavirus nel giro di sole 24 ore".

Mercoledì assemblea straordinaria della Lega di A

Marotta su Juve-Inter: “Ecco le mie motivazioni”

"Da cittadino - la premessa di Marotta - mi sento di riconoscere il momento di grande emergenza che sta attraversando il nostro paese ed i grandi problemi che ne conseguono: la tutela della salute pubblica è la priorità". "Abbiamo ricevuto un'ipotesi informale ed aleatoria - spiega l'ad dell'Inter - dal parte dell'amministratore delegato della Lega Calcio Serie A Luigi De Siervo, nella serata di venerdì, che non abbiamo voluto neanche tenere in considerazione in quanto impraticabile e quasi provocatoria, nel rispetto dell'Inter, di milioni di nostri sostenitori e di tutti gli appassionati di calcio in generale". Poi Marotta spiega i motivi per i quali l'Inter non ha "preso in considerazione" l'idea di giocare lunedì: "Questa proposta è stata giudicata da noi improponibile per tre motivi specifici. Il primo perché sarebbe andata contro logica della tutela della salute pubblica , presupponendo - di fatto - la scomparsa dell'allarme Coronavirus nel giro di sole 24 ore, dal non si gioca domenica al via libera ai tifosi il lunedì". "Il secondo - prosegue Marotta - perché lo Stadium sarebbe stato aperto ai soli tifosi bianconeri, con le conseguenti polemiche del caso, senza la presenza di nostri sostenitori, causando una situazione di imparità inaccettabile. Il terzo: perché lo spostamento a lunedì di Juve-Inter avrebbe comportato lo slittamento a giovedì di Juve-Milan di Coppa Italia, nello stesso giorno di Napoli-Inter, con le possibili rimostranze da parte della Rai che del torneo detiene i diritti tv". 

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti