Milan, bufera su Calabria per un gestaccio dopo il derby!

L'esterno rossonero, tra i migliori nel match con l'Inter, rischia una squalifica per quello che è successo fatto durante i festeggiamenti al termine. Dipenderà se è stato visto dall'arbitro, dai suoi collaboratori o dalla Procura Federale
Milan, bufera su Calabria per un gestaccio dopo il derby!
Andrea Ramazzotti

MILANO - Il dito medio alzato al cielo al termine del derby, quando i giocatori del Milan si abbracciavano per festeggiare la vittoria, potrebbe anche costare una squalifica a Davide Calabria. I social sono inondati dalla protesta dei tifosi interisti non appena è stata diffusa la foto incriminata e adesso resta da vedere se i membri della Procura Federale o i componenti della terna arbitrale l'hanno segnalato il gesto nei loro referti che il Giudice Sportivo analizzerà domani. 

Ibrahimovic, doppietta da urlo! Il Milan vince il derby contro l'Inter
Guarda la gallery
Ibrahimovic, doppietta da urlo! Il Milan vince il derby contro l'Inter

Gestaccio Calabria, arbitro e collaboratori hanno visto?

Calabria nel pomeriggio su Instagram aveva celebrato il successo con una foto dei tifosi che hanno scortato il pullman rossonero a San Siro e a corredo ha scritto: "Rosso come il fuoco. Nero come la paura che incuteremo nei nostri avversari. Questo è il Milan". Poche ore più tardi la polemica relativa al gesteccio post derby e il rischio che ci siano strascichi (lunedì a San Siro si gioca Milan-Roma). Se il dito medio (rivolto ai colleghi dell'Inter o ai tifosi avversari?) non sarà stato notato dall'arbitro o dai suoi collaboratori, Calabria scamperà il pericolo perché, non trattandosi di condotta violenta, a fine partita per un comportamento del genere non può scattare la prova tv.

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti