Il problema dell'Inter sono i diktat di Conte!

Il gioco nerazzurro non conosce variazioni sul tema: palla lunga su Lukaku e spizzata per permettere alla squadra di avanzare
Il problema dell'Inter sono i diktat di Conte!© Inter via Getty Images
Alberto Polverosi

Ci sono degli allenatori che giocano con il pensiero rivolto alla squadra e poi ci sono delle squadre che giocano con il pensiero rivolto all’allenatore. In questo momento, della prima categoria fanno parte Milan, Napoli e Atalanta, alla seconda appartiene l’Inter. Cerchiamo di spiegare: in campionato il Milan, il Napoli e l’Atalanta fanno un calcio divertente che ha, come comun denominatore, la qualità dei propri interpreti perché questa è la volontà dei rispettivi tecnici, sempre però all’interno di un’organizzazione di base. Le vedi giocare con il sorriso sulle labbra. L’Inter gioca un calcio diverso, sta in campo pensando a ciò che vuole il proprio allenatore. Sta sempre dentro le righe, non cerca mai un’idea individuale, ciascuno ha un compito che rispetta fedelmente. 

L'esempio di Perisic sulla fascia

L’esempio è dato da Perisic, escluso l’anno scorso da Conte perché poco ossequioso delle mansioni che gli venivano affidate, poco rispettoso di un modulo che vuole l’esterno a tutta fascia. L’Inter lo ha ceduto in prestito al Bayern, il croato è tornato a Milano con una Champions e forse questo è il motivo per cui è stato trattenuto. Perisic, anche se si sforza, anche se cerca di aderire alla linea tattica di Conte, resterà sempre un esterno d’attacco, ma mercoledì sera, contro un terzino offensivo come Lainer, si è fatto vedere più in difesa che in attacco. Anche in campionato è andata più o meno così, avendo dovuto sfidare nella sua zona esterni puri come Chiesa e Lazzari.

L'Inter pareggia in Champions: i social non perdonano Conte
Guarda la gallery
L'Inter pareggia in Champions: i social non perdonano Conte

L'ingaggio di Conte e il solito schema

L’Inter ha l’allenatore con l’ingaggio più alto, nettamente più alto, d’Italia e forse d’Europa e questo la squadra lo percepisce. Se un tecnico guadagna un milione al mese vuol dire che la società lo considera un genio e se è un genio io giocatore non posso minimamente uscire dai suoi schemi. Eseguo senza batter ciglio. L’Inter ha un organico che le permetterà di lottare fino alla fine per lo scudetto, ha soprattutto un centravanti sensazionale, ma ha poca fantasia, gioca sempre alla stessa identica maniera: esce Lukaku dalla linea d’attacco, spizzata di testa, torsione con il busto, tocco con il piede del belga e si parte; oppure, palla controllata dal gigante nerazzurro, la squadra sale, e si gioca. Ma intanto anche gli avversari si sono riordinati. Sono rarissime le variazioni al tema. Prendiamo Eriksen, non è mai stato un cuor di leone, ma nell’Inter non riesce proprio a imporsi, limita il suo calcio a qualche passaggio fatto bene, senza cercare mai fino in fondo la propria riconosciuta qualità, come se temesse di andare contro all’impostazione tattica della squadra. 

Tutti i dettagli sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Conte: "Difficile commentare questo pari"
Guarda il video
Conte: "Difficile commentare questo pari"

 

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti